accedi   |   crea nuovo account

Nella pioggia, lo scoppio

Spegnevo le amarezze
indossando la pioggia

Inchiostravo le matrici della durezza
ascoltando le parole in filodiffusione

Poi tutto il dispendioso tentativo di crederci
fu annullato
da uno scoppio

Annullato tutto
Il bello attorno,
le auto,
i libri,
i letti,
i cani e l'amore

Era la guerra
non la rivoluzione.

Le giornate autunnali
tutt'ad un tratto finirono
e con esse, i miei sogni

Finì tutto,
strade chiuse
tagli
cuscini
buche
tapparelle abbassate

Era pace eterna
non il conflitto interiore


E come il fiore che rinasce dalle ceneri
sarà il mio nulla che ti mostrerò.

 

l'autore vasily biserov ha riportato queste note sull'opera

scritta a 4 mani con Valentina Gaglione


0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0