PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

D'esto

... del resto
il resto che restò,
di codesto o questo,
è un pretesto
che attesto in testa
a un testo,
che lesto e presto
appresto
ed estroso assesto
in questo contesto,
che testè mi destò
codesto residuo resto
di testo...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 28/02/2011 14:02
    io lo faccio per puro gioco ma risulta utile per avere anche musicalità nel testo... comunque se ti piace giocare sono curioso di leggere, passami i link se ti va.
  • Anonimo il 23/02/2011 23:00
    ogni tanto anch'io mi cimento in questo tipo di cose. carina
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 02/12/2010 12:32
    peccato per quel "di nulla" a sporcare il tauto

    risicar rischi ridendo
    raro risiede realmente:
    redento risi, rischiando
    rimando ruolo rinascente.

    resta ressa rea rissa,
    rigonfia rinomee rinomate;
    resinata rimessa remissa
    regalando restie risate.

    a proposito di latinismi... furono fulcro di un mio esperimento... l'antico verso, dal significato ostico e dal sapore romantico
    mi piace sperimentare
  • Giuseppe Amato il 01/12/2010 22:21
    rado riso responso reo ringhio risposta remota rendo rotulante rima rimarrà rombo di nulla
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 01/12/2010 20:30
    o da rotula saluto rado.
    hihihi
    alla prossima.
  • Giuseppe Amato il 01/12/2010 14:02
    Maccheronità latina sgorgata nell'immediato che inseguiva il concetto che in una sola cosa c'è la verita, ma in due il mio finto piacere di scegliere comunque sempre con atteggiamento gaio... come vedi il gioco continua... un caro saluto
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 01/12/2010 12:42
    tradotto?
  • Giuseppe Amato il 30/11/2010 22:17
    et in uno verbum est et in duo placebo meo atque laetitia ubiqumque rideo
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 30/11/2010 20:44
    la parola è tutto.
  • Don Pompeo Mongiello il 30/11/2010 16:50
    Io direi un gioco di parole ben riuscito e divertente.
  • Giuseppe Amato il 30/11/2010 14:28
    certe volte le parole sono munizioni che scappono da una mitraglietta... che divertimento Ciao
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 30/11/2010 12:51
    ahahahahah
    si, belle pure le fanfole, ne ho scritte alcune ma qui non passerebbero mai il regolamento quindi non posso pubblicarle

    è delirio, poi rilede
    palindromicchio
  • Giuseppe Amato il 29/11/2010 20:31
    Ti capisco e mi piace il gioco... ci provo.. Non senso " Di sguscio gremitico s'alza il vento di brezza- avvilucchia d'enfasi bizzarra tutta l'isola semiotica. E lì, in breve sposso d'erba, l'ariella, le gregovie e un gabbiano s'arpano di sale.
    M'accosto il linguale e anch'io provo le punte salnitriche di brividi di gusto" così tanto per giocare
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 29/11/2010 20:21
    giochino cionfoloso, a volte un po' di leggerezza non guasta.
    devo ammettere che il gioco di parole insito nel significato del testo, che giustifica la sua stessa esistenza, mi soddisfa parecchio. XD
  • Giuseppe Amato il 29/11/2010 12:59
    Delirio, delirio leggendo mi fai sentire un tappo di vecchio sughero in balia delle parole

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0