accedi   |   crea nuovo account

Freccia bianca

Binario due deserto
cammino a fatica controvento solo, con passo incerto.
Paura atavica di fare tardi.
Bora scura sul mio viso
mista a gelida pioggia
Locomotori dismessi su binari morti,
attendono la fine rassegnati.
Finestrini appannati sfumano
i contorni del mondo scosso dal vento.
Gente assente con cuffie sulle orecchie
siede muta su sedili prenotati.
Sobbalzi sui cambi attutiti.
Sogni di felice rientro congelati.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • francesco verducci il 25/12/2010 18:56
    Un'istantanea perfetta dei nostri giorni.
  • Francesco Giofrè il 09/12/2010 12:45
    mi hai trasmesso una grande tristezza.
    sento rassegnazione infinita nell'uomo che non riesce a carpire i messaggi che il mondo sofferente scandisce ad ogni battito temporale
  • Annamaria Ribuk il 30/11/2010 12:08
    Osservatore attento della vita che ti avvolge... viaggiatore... nel sogno congelato... di una Borascura!!!!!!!!!!... bellissima!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo il 30/11/2010 08:45
    Il treno che corre veloce, come la vita... bella Aldo, mi piace.
  • laura marchetti il 30/11/2010 08:33
    flash di un viaggio, percorsi di vita che si assomigliano un po' tutti, lìassuefazione alla routine toglie la capacità di saper cogliere attimi che sfuggono... sui binari morti di un treno...
  • Dolce Sorriso il 29/11/2010 22:34
    belle le immagini che dai
    piaciuta
  • loretta margherita citarei il 29/11/2010 20:45
    molto bella con queste velate melanconie, bravissimo
  • Aedo il 29/11/2010 18:07
    Versi intensi, potenti, che ci danno il timbro della tua bella anima. Bravissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 29/11/2010 17:43
    assenze... ognuno nel proprio mondo... ansia... di fare tardi... la mie felicità nel freddo umano si spegne...

    Molto bella Aldo.. congelamento dell'essere... sembra quasi un viaggio a vuoto il nostro... ma..
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/11/2010 16:43
    Versi dal suono nervoso, come lo stridore delle rotaie sui binari e ben tratteggiato quel sempre presente senso di tristezza che si percepisce viaggiando in treno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0