username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Colloqui generali

Comincia la lezione, suona la campanella
Ogni ragazzo si avvia, fra risate e urla
L'interrogazione
L'impegno che la vita richiede è già da qui che si vede
Odore di libri, di scuola, di matite
Qui, sui muri i segni di battaglie di cancellini
Urla di ribellione le scritte lasciate sui banchi
In fila davanti ai distributori per i panini
Gigi il bidello avrà già dato lo straccio in bagno
E chiuso a chiave proprio sul più bello
Nulla di nuovo all'orizzonte
E la solita attesa del sabato, come una speranza
Ridono le ragazze, malumori e batticuori, nell'altra stanza
All'ultima ora si va in palestra
Lunedì ad andarsene si appresta
Io, in fila che aspetto, ma è già il mio turno: -come va... mio figlio?-

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 07/12/2010 10:20
    Non erano permesse risate e urla ai miei tempi, all'ingresso e all'uscita c'era silenzio di tomba, ed era impensabile lasciare sui muri i segni di battaglie di cancellini. Dopo uno o due giorni quella rara scritta sui banchi maturava la sua punizione con un 6 in condotta. Il termine ribellione era quasi inesistente, l'interrogazione invece sì, quella creava una rivoluzione nel cuore. Non so se ci fossero malumori e batticuori nelle ragazze, non era permesso rivelarli. Erano altri tempi allora! Ma c'era già chi di nascosto stilava qualche verso per un amore nascosto o perché soffocato da tanta severità. La brava Marchetti non può sapere tutto questo, ma sa raccontarci bene il presente e dimostrare che, pazientemente in fila e colma di affetto, sa aspettare il suo diletto figlio.
  • Anonimo il 06/12/2010 21:34
    Molto bello il tema, trattato splendidamente... 5 stelle e a presto
  • Anonimo il 05/12/2010 09:32
    grandissima Laura, è bello parlare della quotidianità, ciao Salva.
  • Aedo il 04/12/2010 23:33
    Simpatica poesia, che rievoca momenti di un'età passata. Per me invece rappresenta la bella realtà di tutti i giorni...
    Ciao
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 04/12/2010 21:02
    per fortuna ho passato quel periodo dei colloqui, piaciuta molto
  • denny red. il 04/12/2010 20:32
    La scuola,, è importante, un passaggio dentro e fuori.
    Bella!! Laura..
  • Giacomo Scimonelli il 04/12/2010 18:28
    molto bella...
  • Salvatore Ferranti il 04/12/2010 18:23
    sei una continua scoperta, amica poetessa...
    bacioni
  • - Giama - il 04/12/2010 14:35
    qunt'è vera questa poesia laura!
    riesci a cogliere, nella semplicità delle "cose", l'essenza!
    bravissima!
    ciao gia
  • rea pasquale il 04/12/2010 14:12
    Ravviso solo un pizzico di malinconia.
    Un abbraccio
  • calogero pettineo il 04/12/2010 12:39
    dettagliati ricordi di scuola
    tra ansie, allegria e spensieratezza.
    molto bella.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/12/2010 11:05
    Molto molto bella Laura... ed in filo aspetto... il mio turno...
  • karen tognini il 04/12/2010 09:55
    e mi vedo anch'io lì ad aspettare il mio turno...
    ad osservare quello che poi abbiamo vissuto anche noi...

    bella Laura...
    buon giornoooooooo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Altre opere simili -