accedi   |   crea nuovo account

Ferito

Dio mio,
se il tuo nome
annuncio,
perdonami,
ma proprio
a te,
Celeste Padre,
mi rivolgo
a giunte mani
e la testa
verso il cielo
rivolta,
una preghiera
rivolgo,
di ogni cosa
accusato
sono,
anche
quella degli occhi
a questo mondo
aperti ho,
e mille dardi
il mio core
trafiggono,
e per quanto forte
più non regge.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • laura marchetti il 06/12/2010 21:37
    UNA DOLCISSIMA PREGHIERA, NON SONO UN ANGELO, MA IO TI SONO ACCANTO
  • calogero pettineo il 05/12/2010 17:29
    molte persone dovrebbero alzare di più la testa e guardare senza chiudere gli occhi, ma, la coscienza umana è sempre più una chimera.
  • karen tognini il 05/12/2010 11:17


    bravo... piaciuta!
    buona domenica...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/12/2010 10:16
    Sermbrano le Parole di Gesù..-. al suo Celeste Padre...

    Bellissima Don...- il mondo non sopporta che qualcuno gli apra gli occhi..è sempre stato così.. e sarà così... fino alla fine dei Tempi... poi cì sarà il regno... di una nuova coscienza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0