accedi   |   crea nuovo account

Di-segno suicida

Cento Babeli avvinghiate
alle sporgenti mie costole scoperte
sono le parole frananti dai tuoi
mille occhi cangianti
mille bocche ventriloque
tu che non rispetti il mio
silenzio aggrottato
e di pochi piaceri.
Linguaggio bastardo
che non rispettò sua materna memoria
e suo padre il senno
figlio bastardo in fuga urlante,
indecente.

Combatto eterne lotte
sfiancanti coi miei levigati
pugnali di parole
contro sciabole della lingua di serpente.
Di segni e simboli sono mascherati
i sentimenti e
i cosmi del pensiero divergente
come cenere stesa nei solchi
delle petrose rune,
linguaggio antico
figlio di un tempo defunto
o mai giunto.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 21/12/2010 22:06
    Lode a te, poeta e gloria alla poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0