accedi   |   crea nuovo account

La dieta

Carmè,
che cumbinat?
Me pare nà malata.

La mia ciaciona, grassa,
mo è solo pell'e ossa.
Chella schiappa e nu duttor
ca dieta ca t'ha dato,
t'ha proprio arruvinata.
Eri chiatta, prosperosa,
calda, soffice e amorosa.
Mo si frigida, scontrosa,
nu scupillo cu dduie pil,
pare na tubercolosa.
Si te guardo dint'a notte
fai paura vita mia,
pare ca me so cuccato
n'ziem'a na radiocrafia.

Piccerè, ti a da na mossa,
nun me piaci pell'e ossa.

E po,
onestamente,
tant'a notte a nun fa niente
è na cosa ca nun va.
Tu assaie, te voglio bene,
si pe me n'ammore grande,
ma n'ammore pe durà
sott sott'a dda quaglià.

Chella vota ca se quaglia,
raramente a dire il vero,
me sento nu fachiro
n'copp'a nu tappeto e chiov;
tu stai ferma e nun te muov
e io allucco po dulore.

Sient'a mme, Carmela mia,
tuorn n'copp'a retta via.
Si carnala vuò turnà
chella dieta l'hai lascià.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 30/05/2011 13:52
    devo dire molto molto carina... divertente ben scritta mi meraviglio di una cosa 110 letture o commenti 1 con il mio... non è possibile mi è proprio piaciuta
  • Anonimo il 30/05/2011 13:50
    molto... molto carina divertente 110 letture 1 commento... non è possibile BRAVO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0