username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Natale

Profumo di muschio,
panettone coi canditi,
l'abbraccio del fumo caldo
dei cappelletti in brodo,
la messa di mezzanotte,
Ci si svegliava presto
il Natale, la mattina,
in punta di piedi sotto
l'albero a cercare tracce
del suo passaggio
e la casa si colorava
di suoni e di voci,
la tombola coi ceci,
e soffice
si posava la speranza.
È Natale,
dormo fino a tardi,
oggi non si lavora.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

27 commenti:

  • Bruno Briasco il 02/12/2011 17:56
    Bella... bravissima... una evocazione che magicamente si ripete ogni volta.
  • giorgio giorgi il 10/12/2010 16:35
    Leggo sempre volentieri quando si parla di questo giorno, che sopravvive all'abitudine.
  • lucietta vo il 09/12/2010 19:29
    Pensavo di averti lasciato il commento ieri ma la connessione mi ha fatto qualche scherzo... anche a me manca il profumo di muschio. Molto bella
  • calogero pettineo il 09/12/2010 18:41
    bella piena d'immagini care
    per chi ha vissuto e vive quei momenti.
  • Amorina Rojo il 09/12/2010 17:26
    e brava la mi laura... tè tu m'ha portato ai tempi della mi mamma... che bello, quattro versi ed il tempo è girato alla rinvercica... sei più forte di Einstein... e lo hai fatto con il minimalismo che tanto ami... io sono più sbrodolona... la tiro pèlle lunghe... bacino, gioia.
  • giuliano cimino il 09/12/2010 16:46
    tante immagini belle del Natale... piaciuta!
  • Fabio Mancini il 09/12/2010 14:33
    Sai dipingere belle atmosfere. Sei molto brava. Un bacio, Fabio.
  • Ezio Grieco il 09/12/2010 12:43
    Brava! Fresca, gioiosa poesia di Natale.
    cl
  • Vincenzo Capitanucci il 09/12/2010 11:57
    Bellissima Laura... la casa si colorava... a festa... di suoni e colori...
  • laura marchetti il 09/12/2010 11:29
    GRAZIE A TUTTI, ALARICO TI RISERVO IL POSTO A CAPOTAVOLA! COME CUOCA NON SONO UN GRANCHÈ MA ADORO MANGIARE E GUSTARE LA PRESENZA DI PERSONE CON TANTA SENSIBILITA', LA POESIA È IL DOLCE CHE PREFERISCO PER ADDOLCIRE LA REALTA' A VOLTE ASPRA, MA TUTTA TUTTA DA DIVORARE, BACI
  • Anonimo il 09/12/2010 09:54
    Laura, sei grandissima, enorme, quasi cicciona, come poetessa. Si nota, nei tuoi versi, la propensione alla buona cucina... Hai aggiunto un posto a tavola per un tuo... conoscente povero???
    Auguri, nel caso non dovessimo leggerci per allora.

    Ala
  • rea pasquale il 08/12/2010 22:16
    quanta malinconica in questi versi.
    bella.
    Un abbraccio
  • lidia filippi il 08/12/2010 21:12
    Bella, dolcissima! I ricordi che scaldano il cuore... Così era
  • loretta margherita citarei il 08/12/2010 21:07
    cambiano i tempi piaciuta molto
  • Simone Scienza il 08/12/2010 20:57
    Le mura accovacciate della casa
    abbracciano entusiasmo bambino
    che scende magico dal camino

    Tu e i tuoi affetti
    ... ornamenti perfetti
    cara Lally
  • Don Pompeo Mongiello il 08/12/2010 19:38
    Paese che lasci usanze che trovi, ma più o meno si somigliano tutte. Nostalgica e bella assai al tempo stesso da meritare il plauso della mia modesta persona.
  • Giuseppe Tiloca il 08/12/2010 18:31
    Il natale è un periodo magico come dovrebbe essere, delizioso, meraviglioso colorato e ricco di emozioni. Brava
  • Sergio Fravolini il 08/12/2010 14:30
    Molto ben descrittiva mi piace.

    Sergio
  • Giusy Lupi il 08/12/2010 13:28
    Molto bella la tua poesia, molta malinconia infonde, magari si potesse tornare indietro...
    Ora in questo mondo che rovina tutto riusciamo anche a dire...
    È Natale... dormo fino a tardi... oggi non si lavora... che tristezza.
    Un caro abbraccio. Giusy
  • Elisabetta Fabrini il 08/12/2010 12:52
    Come si cambia... che amarezza!
    Sarebbe bellissimo continuare a vedere il Natale con gli occhi di un bambino.. ma non si può...
    E non aggiungo altro...
    Ciao Laura!!
  • Anonimo il 08/12/2010 12:31
    Mi hai fatto ricordare il vero Natale, quello fatto di cose semplici, ma di vera atmosfera. L'unica differenza:a tombola usavamo i fagioli o piccole bucce di mandarino. ciao
  • Giacomo Scimonelli il 08/12/2010 12:29
    scritta molto bene...
  • Salvatore Ferranti il 08/12/2010 11:36
    il natale, il natale...
    tanta attesa e poi svanisce in un attimo...
    bella poesia.
    kiss
  • karen tognini il 08/12/2010 11:21
    Bellissima... una nota di malinconia..
    ma Natale è dentro di Te.. anima bella...
    un bacio
    k
  • Cinzia Gargiulo il 08/12/2010 11:03
    Natale è tradizione, o almeno, così era una volta.
    Bella poesia!...
  • antonio pascarella il 08/12/2010 10:10

    5 stelline per te
  • Anonimo il 08/12/2010 09:52
    bella come tutte le tue...
    auguri

    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0