PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silenzio... solo silenzio, per favore

Ombrose colline,
rivestirsi di pianto come fiume in piena i tuoi capelli,
rivoli di sangue...
Tutto giace immobile, nell'incantevole pianura, desiderata lussuria...
Nuda, finalmente...
Nuda, di fronte, a me...
sgorghi fresca come acqua di sorgente, fremente...
ma più simile a un pesco in fiore,
smarrisci i tuoi boccioli profumati,
perdendo il senso di una frase,
quando agiti lo sguardo e ti rivolgi a me, scavando un sorriso in quella valle innominata...
Ti preferivo silenziosa, di mistica purezza...
Ammirarti vivere, più che pulsare di te...
Sarà forse stata questa mia invadente fantasia, a chiederti troppo, ma...
ma ora tutto tace, in un silenzio isterico...
e la tua voce,
indefinibile rumore,
a tormentarmi come turgido eco,
mentre la mano non cerca altro che i tuoi teneri colli in fiore...

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 24/12/2010 14:04
    Molto apprezzata... gran senso della scrittura
  • Anonimo il 09/12/2010 12:26
    mi ricorda i grandi pezzi di Mogol.
    Ricordi Lucio Battisti, che diceva "ma quante braccia ti hanno stretto per diventar quel che sei..."..."ferma ti prego la mano"
    Immagini erotiche dentro gli elementi della natura, stilate molto bene.
    Un'interessante discussione a riguardo del rapporto uomo donna.
    L'uomo è combattuto fra voler la sua donna erotica e disinibita oppure candida come un fiore.
    Io penso che una cosa non escluda l'altra.
    Bravissimo, Roberto!!
  • Roberto Tarli il 09/12/2010 10:23
    grazie Daniela per i complimenti e per i tuoi dubbi: cerco di descrivere le sensazioni che mi diede una donna che aveva ricevuto tutto, in dono, tranne quell'organo che sta all'interno del cranio... il fatto che parlasse ne denunciava continuamente la mancanza. Per questo a lei chiedevo silenzio perché solo così avrei potuta viverla appieno. Ovviamente affidandomi "soltanto" alle emozioni che potevano trasmettermi i sensi ma spesso non è poco! ciao e buona giornata...
  • Daniela Di Mattia il 09/12/2010 08:52
    Roberto non credo di aver compreso il significato di questa tua poesia, è passionale, sofisticatamente erotica sia nella prima che nell'ultima parte ma poi. a un certo punto... che succede?... forse l'avevi idealizzata troppo!!!????!!!!
    Un caro saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0