username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quando Rondine faceva primavera

Senza complimenti
né commenti
levavi in tocco d'ali
la coperta d'inverno,

cinguettavi
verde nel cuore della gente
vedendolo poi stendere sui campi
dai loro sorrisi
ammiranti il vacillante azzurro
affisso da tremanti puntine di marzo


in brivido
d'alba,
viola chiusa
doccia di brina
cristallo è mattina
eri tu segno
di primavera vicina,

rondine.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2013 16:38
    Idillio poetico Simone, la tua poesia raggiunge alte vette dove il profumo di primavera ancora inebria. Ma dove sono andate le rondini?
  • Elisabetta Fabrini il 09/12/2010 22:43
    Meravigliosa... non so cosa altro dire!
    Mi è piaciuta tantissimo, è nel mio stile...
    Quindi va nei preferiti...
    Ciao Ely
  • Anonimo il 09/12/2010 17:02
    Fantastica poesia... regala brividi al limite dell'emozione... grazie
  • angela ambrosini il 09/12/2010 16:36
    non ho parole è bellissima
  • Salvatore Ferranti il 09/12/2010 15:42
    eh si caro simone...
    come sono cambiati i tempi...
    ma la rondine tornerà a far primavera, ne sono sicuro..
  • laura marchetti il 09/12/2010 15:28
    volare con la fantasia d'inverno... intrecciando ali di speranza... la primavera è nell'aria di questi splendidi versi
  • Paola B. R. il 09/12/2010 15:23
    Quanto nostalgia della primavera!!!! Ti capisco!!!!
    Ma, osservando la poesia per intero hai disegnato un albero di Natale.
    cos è, poesia subliminale??????
    Braviss Simo!!!!
  • karen tognini il 09/12/2010 14:42
    Meravigliosa... vola su fbook... caro Simone!

    k
  • Amorina Rojo il 09/12/2010 14:06
    Bravo Simone... c'è nostalgia in questa poesia... e nostalgia è emozione... ed emozione è poesia... bella, ti meriti un lungo bacino.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/12/2010 13:27
    Viola chiusa.. in brivido d'Alba.. voli Poesia.. sei alata...

    Bravissimo Simo.. eri Tu segno.. di sorrisi.. nel vacillante cielo.. di marzo..
  • Anonimo il 09/12/2010 13:18
    io scrissi, una volta " quando il cielo aveva la C maiuscola "
    volevo esprimere, come te, la nostalgia dei valori perduti... ma tu... con le parole... sei un mago.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0