PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Kashmir

Sento salire
la pressione del sangue
che rovente
mi attraversa le vene
e come acciaio disciolto
si getta in scintille
nella forma del cuore.

Una fitta profonda
di dolore e piacere
come un pennello
che spande fredda vernice
a contrasto
sulla forma ancor calda
son gli occhi tuoi
mentre mi guardi
con la bocca socchiusa
che fa da passaggio
tra i tuoi riccioli
e le tue unghie sensuali.

Oh dolce ancella
che come un quadro d'autore
mi lasci estasiato nel contemplarti
assaggia la mia mente
mangia i miei pensieri
che sanno di notte
di deserto
di datteri e mandorle.

Cibati a sazietà
di questo mio desiderio
mai sazio di te
e il gelo desertico
allo scendere delle tenebre
non farà paura mai più.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Floriano Crescitelli il 28/01/2016 21:03
    Grande stile caldo-freddo, immagini in sequenza raffinate, cariche.

4 commenti:

  • ylenia 2010 il 15/12/2010 10:55
    molto bella!!!!
  • Alessandro Moschini il 13/12/2010 21:01
    Grazie Laura e Giacomo. Un abbraccio.
  • Giacomo Scimonelli il 12/12/2010 12:52
    bella... passionale e travolgente
  • laura marchetti il 11/12/2010 09:33
    LEGGERTI È AVVOLGERSI NEL TEPORE DI UN ABBRACCIO ACCOGLIENTE E REOVENTE DI PASSIONE... ECCO PROPRIO COME DENTRO UN PREZIOSO MAGLIONE DI KASHMIR