PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bimbi zingari

Bimbi perduti,
bimbi resi adulti,
nel loro bianco dei denti
vedi il colore puro delle anime celesti.
Gli occhi talmente neri
che le notti sembrano arcobaleni,
e tra le strade grigie
in un angolo seduti
tendono le loro mani.
La cicogna ha sbagliato camino,
oppure sono angeli
scesi dal cielo?
Sono solo terrorizzati
da genitoti incuranti,
e nel Natale vorrei
portarli in riva al mare
a contare i granelli di sabbia,
e dire loro bisogna attendere.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • laura marchetti il 13/12/2010 08:31
    questa mi era sfuggita... bellissima e piena di amore, provo anch'io quelli che provi tu di fronte alle ingiustizie del mondo...
  • danilo il 13/12/2010 01:46
    Peccato che molti di quei bambini, diventino, a loro volta, genitori incuranti di altri poveri bimbi...
  • Anonimo il 11/12/2010 23:00
    La cicogna c'entra nulla, mi creda.
    Un saluto.
    RobertoM
  • Giusy Lupi il 11/12/2010 18:41
    Bellissima poesia Antonio.
    Un grande applauso anche per la tua sensibilità,
    aggiungo 5 stelle.
    Un saluto affettuoso.
    Giusy
  • Anonimo il 11/12/2010 17:05
    Bella riflessione Antonio... mi trovi molto daccordo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0