accedi   |   crea nuovo account

La notte delle stelle cadute

Fossi capace di chiamare
con il loro nome
tutte le cose di cui ho paura
sarei ben più libero.

Che abbia paura
che, chiamandole, giungano?
Che abbia confuso
la mitezza con l'apatia?
Ho tante scuse
quante sono le stelle.

Quando cadranno le stelle
e il cielo di notte
sembrerà buio e perso
il mio spirito sarà libero
di aspettare il sole eterno
e questi versi saranno pietre.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • romana il 02/03/2014 21:48
    Intensità in questa tua poesia.
  • Dilaila Bella il 14/11/2011 18:12
    Molto profonda ed intensa, bellissima poesia!
  • claudia pinheiro montenegro il 14/12/2010 17:25
    A Paz de Jesus,

    As ovelhas são confiantes
    E as vezes se perdem confusas
    Mas, têm um Grande Pastor
    Que com Seu Bálsamo trata suas feridas
    E com Seu Manto lhes cobre a nudez
    E nos Seus Braços de um Amor Eterno
    Perdoa-lhes os pecados e as ergue outra vez

    Jesus meu Bom Pastor te abençoe,
    ciao,
    claudia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0