PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il fiume

Come è penoso il fluire lento
del fiume dalle mille anse
che percorre questa vallata
disgustosamente verde.
Come tronco abbattuto
navigo semisommerso
nell'acqua opalescente,
il cuore trapassato
dalle teredini impietose,
la pelle incrostata
di cirripedi puntuti,
simbiosi improbabile.
Nei tempi di magra
giaccio incagliato
in un banco di sabbia,
posatoio di zampe palmate
sfibrato dal sole incombente.
Attendo l'onda di piena:
libero volteggio e mi inabisso
nei gorghi impetuosi,
nelle cateratte spumeggianti,
incognito ultimo balzo.
Mi squamo, mi assottiglio,
mi perdo nell'oceano infinito.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Verdiana Maggiorelli il 17/12/2010 18:41
    Una metafora intelligente e ben condotta, che fluisce
    con un bel ritmo fino al gorgo finale, all'annullamento.
    Bravo!
  • Anonimo il 13/12/2010 17:53
    Finalmente leggo qualcosa che si avvicina al mio ideale di poesia.
    Piaciuta.
    Alla prossima.
    RobertoM

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0