PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dal timor del vuoto

Dopo il deserto,
mi avvicino al Natale,
dovrò rivedere il cuore,
più che gioire dei regali,
che già s'addensa nelle nari
e arriva fino alle viscere,
la Santa voglia di riscrivere
le linee impresse del destino.
Cosa l'Amore mi chiederà di fare,
io non chiedo, ma una lettera a Gesù
Bambino ho preparato, poiché dal timor del
vuoto, Egli m'ha salvato.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Dolce Sorriso il 18/12/2010 18:14
    un proposito di cuore, non di regali scontati...
    sei super amico mio!
  • Anonimo il 14/12/2010 17:03
    il contrasto tra il nulla del vuoto e il calore del Natale... semplicemente poesia...
  • ELISA DURANTE il 13/12/2010 20:11
    "... dovrò rivedere il cuore..."
    Mi associo Fabio, un bel proposito per il Natale!
  • laura marchetti il 13/12/2010 17:59
    GRAZIE FABIO... RISCOPRIRE IL NATALE... SONO CON TE
  • Anonimo il 13/12/2010 17:51
    Crediamo anche al Babbo Natale e completiamo l'opera.
    Alla prossima.
    RobertoM
  • Giacomo Scimonelli il 13/12/2010 17:05
    piaciuta... bravo
  • Anonimo il 13/12/2010 13:44
    le tue poesie sono bellissime, Fabio.
    Non ti smentisci mai.
    Un caro saluto.
  • Elisabetta Fabrini il 13/12/2010 12:43
    Perchè smettere di sognare proprio adesso?
    Meravigliosa!
  • Simone Scienza il 13/12/2010 12:40
    Una porticina aperta sull'improbabile non ha mai ferito nessuno

    Bravo piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0