accedi   |   crea nuovo account

Il mare e la goccia

Sono il mare in cui la tua goccia si immerge.
Sono il mare tempestoso e freddo dell'inverno,
il mare calmo e caldo dell'estate,
il mare inquieto sempre alla ricerca di un approdo,
di una spiaggia solitaria da baciare,
il mare in cui tutti hanno paura di avventurarsi
per paura di annegare nel suo abbraccio soffocante.
Io vorrei trattenere tra le mie onde i sorrisi,
le lacrime di gioia e di dolore,
le grida divertite dei ragazzi,
i castelli di sabbia dei bambini,
i richiami accorati delle madri,
i corpi ancora acerbi delle giovani fanciulle,
le grazie ormai mature delle donne innamorate,
le ansie ed i timori di vecchi solitari,
ma nessuno entra tra le mie onde spumeggianti.
Vedo tramonti sfiorire all'orizzonte,
notti imbiancate alla luce della luna,
albe tremolanti specchiarsi tra le onde,
e sono solo... solo con la mia vastità,
solo con dentro la gioia e l'amore che potrei dare,
col rimpianto dei giorni che sfilano uno dietro l'altro
e che giammai ritorneranno a dare calore ed armonia.
Ma in tutto questo oceano di inquietudine e silenzio
c'è la tua goccia, una piccola goccia che sfida
le onde tempestose, che va sotto, riemerge,
e di nuovo combatte per non scomparire,
e alza forte la sua voce gridando all'infinito...
ti voglio bene... ti voglio bene... ti voglio bene...
e la mia ansia si placa, e le mie onde si calmano,
e i miei giorni non sono più così vuoti,
e so che il sole che tramonta tutte le sere
tornerà di nuovo il giorno dopo
perché la piccola goccia ha bisogno
del sole e del mare, e il mare
ha bisogno della sua piccola goccia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • raffaella amoruso il 23/12/2010 14:38
    Un fiume di emozioni! Bella, molto gradita!
  • Anonimo il 21/12/2010 17:38
    Questa goccia vive in quest'azzurro anche grazie a mari carichi di luci e colori
    Nella prima parte della poesia ci sei dentro, parli di come vorresti questo mondo, ma purtroppo dobbiamo abituarci a starci, nonostante sia ricco di tante cose che non ci vanno bene
    difficile
    Bella Vincenzo, come sempre riesci a descrivere molto bene le tue emozioni
    Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0