PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

O forti fiamme prendetemi ora

Ecco,
legna ormai secca data alle forti fiamme,
fuoco che brucia senza lasciare alcuna traccia,
guardami ora e nutri il mio cuore te ne prego,
legna del mio cuore ormai freddo, perchè hai abbandonato il tuo posto?
Ecco,
le fiamme adempiono al loro compito,
brave operaie, silenziose ma allo stesso tempo grandi dissipatrici,
distruggono e consumano ogni cosa si da loro.
Guardami ora e dunque se nutrir non puoi il mio cuore
prendilo e fanne ciò che vuoi.
Perchè tu, macchinatrice delle fiamme nel mio cuore, non l'hai mantenuto e accudito?
Ecco,
ciò che volevo vedere,
tizzoni ardenti alla base delle forti fiamme,
scintille che s'alzano da terra, trasportate da vento e fumo,
ballano un lento valzer e vanno sempre più su,
verso la luna e le stelle.
O forti fiamme prendetemi ora, ve ne prego.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/01/2014 02:52
    Davvero molto bella... complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0