PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I miei passi

forse posso...
alzare di nuovo lo sguardo
mentre cammino per strada,
adesso non riesco ad incontrare occhi
e sono diventata ciò che un tempo odiavo.
Tutto l'amore che avevo imparato a dare a me stessa,
sembra svanito.
Il rumore dei miei passi è l'unica cosa che mi sembra reale,
con il fiume che mi scorre vicino,
e lascio passare gli infiniti e brevi sguardi
distratti
che mi passano accanto
un secolo fa
mi perdevo negli sguardi di storie sconosciute,
incrociandole,
per un attimo,
un attimo di eterno
che allora era solo per me,
danzavo con le mie fantasie.
Ritrovarsi bella per l'ennesima volta...
la fatica sembra quasi inaccettabile
e perché mentre il mio volto cambia non riesco più ad amarlo?
forse posso smettere di fare i conti con me stessa,
forse posso...
non contare più i mei passi.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Gabriele Amoroso il 21/09/2011 01:06
    Senza parole. Semplicemente stupenda.
    Complimenti Sabrina!
  • Anonimo il 16/05/2011 18:39
    non li contare più... ne hai ancora molti da fare sabrina... e poi non credo sia il tuo caso... complimenti bellima poesia
  • Andrea Palestra il 12/04/2011 16:09
    l'adolescenza, la giovinezza, la bellezza.. virtù che mai svaniscono a chi conserva loro un posto nel cuore. CMQ STUPENDA!!!
  • sabrina pieraccioni il 23/12/2010 22:49
    : ) grazie ursola delle tue belle parole e davvero speriamo di rimanere un po' adolescenti dentro di non perdere del tutto la nostra innocenza... un abbraccio grande e un bacio
  • Anonimo il 22/12/2010 22:32
    un monologo veramente bello, dove leggo la paura del tempo che passa ingestibile come un uragano!!!
    La paura di diventare cinici è motivata purtroppo in una società come la ns, dove il distacco totale, da quella che un tempo chiamavano adolescenza, corrisponde anche con questo tipo di atteggiamento verso chi ci sta intorno!!!
    Lo sai allora che ti dico? Che per quel poco che ti conosco, resterai come me un eterna adolescente!!!
    Un bacio
  • Aedo il 15/12/2010 20:33
    Un intenso colloquio con te stessa, che affascina il lettore. Bravissima!
    Ignazio
  • Anonimo il 15/12/2010 18:22
    Davvero bella ed intensa. Versi che si fanno leggere bene e fanno riflettere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0