PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Bartolotta Vincenza, poetessa e narratrice

Brillano nei suoi occhi,
luci d'alba e tramonti,
che mai di più belli ella ne vide,
e in cuor suo, freme il ricordo,
degli anni tesi fra preghiere e sogni.
O pioggia africana, ricorda quand'ella
bagnata di gocce di provvidenza,
saltava con l'agilità dell'impala,
per non inzuppar l'odorosa chioma,
e nel correr spedita, la creatura pensava,
che le risa fossero favori dell'Eterno,
e non figlie d'attimi fuggenti.
Come sfumerà l'amarezza dei tempi andati,
quando la savana con corona d'ibiscus
la elesse regina, inebriandole le nari,
come dimenticarsi dello sguardo di quel cielo,
che maternamente cullava le sue fantasie?
Oh, se le rimembranze fossero caduche,
il cuor patirebbe meno, e invece le azzurrine
vene delle mani, palpitano incessanti
al ritmo d'infuocate reminiscenze.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Dolce Sorriso il 18/12/2010 18:09
    una dedica speciale... si sente, si legge.
    Grande Fabio
  • Anonimo il 16/12/2010 10:32
    Bellissima, stupenda. Grazie per questa bellissima dedica. La conserverò come una cosa preziosa, un bellissimo regalo di Natale. È vero, in Africa pensavo che il mondo mi avrebbe sorriso eternamente e per questo ringraziavo ogni giorno le albe e i tramonti infuocati... indimenticabili. ciao
  • laura marchetti il 16/12/2010 08:16
    bellissima... senza parole... chiusa stupenda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0