PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al mio merlo

Oh mio caro amico piumato
son molti anni che ci conosciamo
ti ho avuto in dono, da poco eri nato
ricordo il momento, spesso lo richiamo.
Al mercato allor lo zio ti prese
eri bello, vivace, sembravi felice
nonostante la gabbia in cui ti rinchiuse;
esistenza ristretta, ma che ti si addice.
Suoni e rumori hai saputo imparare,
poche parole: gridar "Ciao" e il tuo nome;
vita banale: bere e mangiare,
fischiare e cantare, chiuso in prigione.
Ora giaci merlo mio, amico fedele
la nuda terra finalmente puoi toccar;
morire così, nel Santo Natale
dove tutti son merli: non fan che bere e mangiare.
L'estremo saluto ti porta il mio cuore,
ora son triste, ma una speranza ancor porto:
che nell'azzurro del cielo tu possa volare,
io vedendoti dirò: il mio merlo è risorto!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

31 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2011 20:46
    Francesco sono sicura che sarà così... bella e scorrevole
  • Anonimo il 28/11/2009 06:54
    Commovente come una fiaba!
  • Aranel_75 il 12/02/2008 14:01
    Sai qui non si parla di far volare elefanti o di cose da circo si parla semplicemente di guardarsi intorno con un po' di fiducia e non soltanto con un velo nero davanti agli occhi. Nella mia vita ho incontrato persone menefreghiste ed egoiste si, ma anche persone in gamba capaci di dare agli altri un valore aggiunto. Basta poco anche solo interagire positivamente con il proprio contesto.. non serve spostare le folle per essere persone migliori. Se tutti lo facessimo o almeno chi lo ritiene giusto, già sarebbe una grande rivoluzione. Non sono tutti cattivi nel mondo ed è un grave errore di valutazione pensarlo. Cosa ci insegnano gli animali? Be agiscono d'istinto e non fanno del male o uccidono per puro divertimento come fanno alcuni uomini. Uccidono per mangiare non per gioco. E non distruggono mai il loro habitat con cui sono in perfetta armonia, cosa che l'uomo non sa fare come ha sempre dimostrato. Arriva distrugge e ne paga le conseguenze. Credo che cotanta intelligenza dovrebbe essere sfruttata meglio!!!
  • Aranel_75 il 12/02/2008 12:34
    trezzi essere disfattisti e pensare che tutti sono menefreghisti non aiuta e anzi crea degli alibi a chi non ha voglia di mettersi in gioco. Se nessuno va mai contro il pensare comune non cambierà mai nulla.
  • Anonimo il 09/02/2008 03:44
    Gli insegnamenti degli animali sono validi quanto quelli degli uomini
  • Anonimo il 07/02/2008 19:32
    Non credo gli si addica poi molto
  • Maurizio Gagliotti il 05/02/2008 22:48
    Molto molto carina
  • enzo napoli il 04/02/2008 22:22
    Forte! Piaciuta molto
  • Aranel_75 il 03/02/2008 13:39
    L'amore non ha forma né confine. Si può amare un merlo quanto e più di un amico. E paragonarci a dei merli non è dispreggiativo in fondo gli animali spesso ci danno dei grandi insegnamenti. Dolcissima poesia complimenti.
  • laura cuppone il 02/02/2008 16:48
    ... non sono d'accordo con gli animali in gabbia... soprattutto con gli uccelli... ho avuto uno scambio d'opinione in merito... con mio marito, per dei merli dai becchi arancioni.. bellissimi ma infilati in gabbie come "richiamo"... Tu l'avrai amato sicuramente... e forse solo per questo la sua vita non é stata poi così crudele... Mi spiace che sia morto... bella dedica però... ciao Laura
  • ivan renella il 19/11/2007 20:30
    Voto per i merli liberi... cioè, vivi e liberi...
  • Chiara S. il 14/10/2007 15:57
    rivedo me stessa e il mio splendido cardellino... bella poesia!
  • Licia Missori il 10/09/2007 18:32
    Complimenti. Molte persone non riescono a capire quanto si possa amare un animale e quale meraviglioso legame si possa instaurare con lui... e mi dispiace per loro, non sanno cosa si perdono.
  • Anonimo il 15/05/2007 20:23
    Bella... musicale... piena di una malinconia che arriva dritta al cuore e descrive molto bene il sentimento sincero e forte ke ti legava a quella pikkola creatura.
    Bravo!!!
  • Riccardo Brumana il 22/03/2007 11:42
    son quasi commosso dall'amore per il tuo... merlo?!? ok, scusa, rispetto il tuo dolore. la poesia mi è proprio piaciuta.
  • sara rota il 21/03/2007 21:17
    Carino il ricordo per il proprio uccellino... Simpatica.
  • Riccardo Brumana il 27/02/2007 21:35
    capisco il dolore, ma paragonarci tutti a dei merli...
  • Carlo Diana il 12/02/2007 21:54
    deliziosa delicatezza commovente.
  • Antonio Izzo il 12/02/2007 16:50
    "morire così, nel Santo Natale,
    dove tutti son merli: non fan che bere e mangiare"...
    Questo verso l'ho apprezzato particolarmente al di là del tuo dispiacere per la perdita del tuo amico merlo. Da una dimensione meno privata alla poesia fornendo l'occasione per riflettere.
    Un saluto
    Antonio
  • DOMENICO DE MARENGHI il 28/11/2006 18:34
    Bravo, un opera che viene dal cuore
  • DOMENICO DE MARENGHI il 28/11/2006 18:33
    Bravo, un opera che viene dal cuore.
  • Franca Maria Bagnoli il 15/09/2006 17:08
    Bello questo ricordo di un uccello che si spera di incontrare libero e felice. Ciao. Franca.
  • Claudia Costa il 28/04/2006 15:08
    Questa mi piace... dalla poesia si può capire quanto c si può affezionare anche ad un animale.. a volte infatti sono molto più fedeli gli animali che quelli che credi siano i tuoi migliori amici...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0