accedi   |   crea nuovo account

Magia di un sogno.

A volte
solo figure indistinguibili
tra veli e fumo.

Immerso
in una pacata confusione,
ti sforzi di ascoltare.

Cammini nel nulla
piano,
forse neppure un passo.

Ogni porta cela un segreto.

Spesso piangi e ridi
senza sapere il perché.

Costante
è la tua essenza,
pura e profonda.

Lentamente,
o d’improvviso,
tutto tace.

Un turbine ti cattura,
mentre il mondo,
intorno,
si dissolve.

Il sapore di una lacrima
talvolta
è il tuo unico ricordo,
ricordo della magia
che ti ha donato un sogno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

23 commenti:

  • YURI STORAI il 23/03/2011 05:21
    anche questa tua poesia mi è piaciuta. complimenti!
  • Aliena il 20/03/2011 18:09
    Complimenti. Molto bella. Fa pensare. Fa riflettere.
  • Anonimo il 28/10/2009 18:23
    Complimenti Antonio, bellissima poesia.
  • lucia pulpo il 15/03/2009 19:24
    ... questa volta la magia l'hai donata tu!
  • ninetta ciminelli il 07/01/2008 20:36
    si cammina spesso nel nulla
  • sara rota il 08/07/2007 22:13
    M ritrovo in colei che piange e ride senza sapere il perchè, ma solitamente sono lacrime di gioia...
  • MORENA MANICARDI il 23/06/2007 12:40
    Questa lirica mi è piaciuta molto. Leggera come un soffio... ma profonda
  • Davide Mirabello il 18/06/2007 11:47
    Ottimo! Bello stile.
  • roberto mestrone il 08/06/2007 11:12
    Nove...! Nove visioni onoriche in cui l'essere si nasconde tra fantasìa e realtà...
    Molto bella!
    Ro
  • Anonimo il 18/05/2007 14:27
    Bellissima e malinconica...è tra le mie preferite
  • VALERIA SALLUSTIO il 06/05/2007 15:48
    Le ultime due strofe sono veramente magiche! Grazie.
  • Ezio Grieco il 05/05/2007 00:55
    Bella Antonio!
    ... anche lo stile.
    Clezio
  • Anonimo il 03/05/2007 11:14
    Queste figure tra veli e fumo, sono figure di vita, segreti mai svelati, neanche a sè stessi, lacrime da versare e sorrisi mai donati... Antonio, anche se ti commento poco, sai cosa penso del tuo scrivere. sei bravissimo!
  • Alberto Rampanelli il 02/05/2007 21:33
    complimenti!!! hai colto in pieno le sensazioni di quell'atimo che c'è tra la veglia e il sonno
  • Antonio Pani il 27/04/2007 10:17
    Grazie a tutti, come sempre, per la vostra attenzione. A rileggervi, ciao.
  • Ivan Iurato il 27/04/2007 00:01
    Sei riuscito a catturare quell'attimo improvviso e fugace che c'e' tra la veglia ed il sonno.. impresa non facile... davvero apprezzata questa tua Antonio.
    A rileggerci.
  • Anonimo il 26/04/2007 21:49
    BRavissimo, mi è piaciuta, vera e intensa, Ciao
  • Duccio Monfardini il 19/04/2007 18:41
    lentamente, o d'improvviso, tutto tace...è un verso bellissimo. ciao, duccio.
  • Antonio Pani il 13/04/2007 08:55
    Grazie Gabriella per il tuo commento. Lo trovo molto equilibrato ed appropriato. Grazie ancora per la tua attenzione, a rileggersi.
  • gabriella zafferoni sala il 13/04/2007 08:46
    gli affetti e l'amore nel suo senso più ampio sono fra le descrizioni critiche le più difficili da raccontarsi, il rischio è la ripetizione di immagini o metafore già descritte. una sorta di pianto ed incanto del mondo. il tuo garbo e la tua attenzione alla traduzione del sentimento premia lo sforzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0