username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quasi nel sogno

Una rigida
mattina con l'aria
quasi rarefatta

dal tenero sorriso
sulle luminose pupille

col cuore scaldato
dall'amore disteso

nel vetusto corpo
lei dopo l'incontro

con chi lunga vita
le ha donato

stende le braccia
per rendere grazie

e con dolce tenerezza
per il bramato Cielo

il suo ultimo volo
ha spiccato.

Noi germogli
ormai non più freschi

increduli dopo un lustro
ancora la mano le tendiamo.

 

3
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Antonio Pani il 23/03/2011 11:04
    Scritto accorato e intenso, pervaso da sentimenti nobili e profondi. Versi e immagini efficaci, che coinvolgono in modo importante. Mi è piaciuta, complimenti. Grazie per attenzione e commenti. A rileggersi, ciao.
  • Ada FIRINO il 10/01/2011 22:24
    Dolce e tenera poesia, commovente nel contenuto nel pensieo.
    Sì, mi piace!
  • Salvatore Ferranti il 17/12/2010 19:35
    una poesia molto molto bella...
  • loretta margherita citarei il 17/12/2010 15:46
    intensa molto bella ben resa l'idea piaciuta molto
  • Ezio Grieco il 17/12/2010 15:35
    Buono il costrutto, non condivido il modo come l'hai postata.
    cl
  • Simone Scienza il 17/12/2010 13:23
    La morte non può profanare la culla d'un cuore di mamma
  • Maria Rosa Cugudda il 17/12/2010 13:10
    vi ringrazio di cuore.
  • laura marchetti il 17/12/2010 11:48
    stupenda immagine che vince la morte
  • Anonimo il 17/12/2010 10:59
    Meravigliosamente poetica

    Bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0