PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frost

Aghi, d'inconprensione
ciecamente s'aprono varchi
e la mente vola a Giovannina la merla nera
morta
tra le tue mani ultimo rifugio di comprensione.
Freddo
fra questo bianco abbagliante di voci soffuse
stilla di te a donar sorriso e gioia del dolore
DEVE, vivere
il sacro Tibet chiama, aspetta la tua essenza
nenia recitata sottovoce tra nastri bianchi e refoli montani
quasi fossero versi di una poesia vitae
incisi
Algido torpore
blandito dal caldo sentimento di lidi lontani
ti porto
bitte, mich lassen gar nicht...

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 19/12/2010 21:42
    ha ragione loretta...è un incanto!
  • loretta margherita citarei il 18/12/2010 20:24
    ma è stupenda, incantevole

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0