PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Orme

Orme di passi sulla rena
assenza incombente
di ciò che poteva essere.
L'onda lambisce le caviglie
risucchia la memoria esausta
di un tempo incompreso
che non ho vissuto.
Racchiusa e disciolta
negli anfratti rocciosi
lascia bianche incrostazioni
di amari cristalli di sale.
Un gabbiano lancia il suo strido
mentre si tuffa tra i flutti:
un pesce morirà oggi...
e non solo lui.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Aldo Riboldi il 22/12/2010 22:52
    Mi sembra di vederti camminare curvo sulla battigia, un momento di scoramento descritto benissimo. È un piacere leggerti... sempre, stammi bene ciao!
  • Anonimo il 18/12/2010 22:52
    Tristezza che arriva a chi legge, o almeno, a me è arrivata. Bella davvero, mi piacciono il suono e le parole scelte.
  • Laura cuoricino il 18/12/2010 19:29
    Orme di tristezza descritte con note efficaci...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0