accedi   |   crea nuovo account

Ombre

È sera,
la musica diventa più bassa e sinuosa...
i tuoi occhi languidi, di un azzurro profondo,
si riempiono di lacrime.
Un dolce amplesso,
una lacrima clandestina,
solca, come scintilla divina, il tuo viso.
Ed io lì impietrita di fronte a te
immobile e ipnotizzata dal tuo pianto,
non riesco a nascondere il mio dolore.
Ero lì ad un passo da te,
ma tanto distante dal tuo dolore,
sola, tra le rovine del nostro amore,
ed il mio cuore di nuovo tanto solo.
Ora più che mai sento la tua mancanza
tu che sapevi darmi quel calore
di cui avevo bisogno.
Inizio a piangere perché
aimè
il dolce sogno di farti rivivere,
è destinato a svanire col sorgere dell'alba.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/10/2013 11:49
    apprezzata, complimenti.

3 commenti:

  • Anonimo il 26/04/2011 20:37
    questo è un amore con la A maiuscola... bella
  • andrea piumedoca il 21/12/2010 11:23
    Risorgere dalle proprie ceneri? Bellissimo... le mie non sono poesie, sono solo pensieri...
  • Anonimo il 20/12/2010 22:03
    una poesia ben scritta, intrisa di tenerezza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0