accedi   |   crea nuovo account

Elogio alla solitudine

Quante volte ti ho tradita, quante volte abbandonata, sempre alla ricerca di sensazioni nuove. Quanti dolori e quante delusioni lontano da te che invece armata di infinita pazienza mi hai sempre aspettato senza un minimo lamento. Pensandoci bene sei forse l'unica che mi ha capito e per questo ti voglio bene.. SOLITUDINE.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 17/01/2011 19:20
    ovvio, sono un nichilista
  • Vincenzo Renda il 17/01/2011 19:18
    avrai i tuoi buoni motivi se mantieni posizioni così rigide e rispetto il tuo parere.
  • Luigi Lucantoni il 17/01/2011 19:13
    non credo nell'anima, né negli esempi altrui
  • Vincenzo Renda il 17/01/2011 18:06
    luigi, nessuno è prigioniero di niente se non lo vuole... ho conosciuto gente prigioniera di malattie da brivido che volavano libere come gabbiani. Tu non sei mai solo fino a quando avrai la capacità di ascoltare la tua anima.
  • Luigi Lucantoni il 17/01/2011 15:58
    Chi è solo sa apprezzare i lati positivi della solitudine, ma se ha l'opportunità di estraniarsene di tanto in tanto allora significa che non è prigioniero. Io sono intrappolato dentro di essa, quindi + che una compagna è una madre possessiva.
  • Vincenzo Renda il 29/12/2010 15:39
    grazie sei davvero gentile
  • giovanna raisso il 27/12/2010 19:12
    eh si.. davvero una pazienza infinita.. ma a volte è meglio di tante " sensazioni nuove.."..
    (.. mi ricorda lo spot pubblicitario della polvere che ritorna..
    belli i tuoi aforismi
    bravo
  • Vincenzo Renda il 26/12/2010 11:50
    grazie... cerco sempre il positivo del negativo
  • Giovanni... il 26/12/2010 11:46
    questa cara solitudine che non tradisce mai mi è molto piaciuta!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0