username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Così ti ricordo

Intrisi di favole, una tenera mano sul viso.
Era tempo di giochi e capricci, su per verdi colline,
di lacrime mute e malinconia
a ricamarti la pelle profumata di menta,
dolore, che io verde germoglio, non potevo capire.


Era il tempo dei campi dai biondi capelli,
i tuoi da angelo nero tra le mie dita per gioco,
nelle tue, la chitarra improvvisata da rami sgualciti
intonare canzoni affidate dai nonni,
sopra laviche pietre con gambe incrociate di bimbi.


Il tempo, si è smarrito per strade sferrate, portando
lontano quella pelle che odorava di menta,
ma non i baci, non il ricordo di giochi innocenti
ne di suoni con rami piegati
e canzoni affidate dai nonni
e di quei ricci da Angelo nero tra le mie dita per gioco.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 21/12/2010 14:08
    felice di ritrovarti anche qui, cara amica.
    un grande abbraccio di benvenuto...
  • Fiorella Giovannelli il 21/12/2010 14:07
    grazie del benvenuto, apresto devo imparare come funziona il sito
  • Giacomo Scimonelli il 21/12/2010 13:10
    sei brava... piaciutissima
  • karen tognini il 21/12/2010 09:23
    Benvenuta... Fiorella
    inizi il tuo cammino in questo sito con versi dolcissimi...
    complimenti di cuore...

    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0