accedi   |   crea nuovo account

La sua bellezza

Sorrisi di gusto, compiacendomi d'una verità appena svelata.
Sorridi quando compresi che la carne, gli occhi e le labbra di quella donna non erano solo frutto del caso, d'una reincarnazione stabilita agli albori, ne tanto meno d'un grande esperimento.
Fu la luce, il bagliore forte che le riempiva l'iridi a sussurrarmi quanto era.
Perchè è solo l'anima, carica d'ogni emozione e particolarità, a poter plasmare la materia a sua immagine, rendendola unica, speciale. Ecco cosa siamo, ecco cos'èra lei...

Il frutto del suo stesso essere.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giovanna raisso il 28/12/2010 11:43
    .. siamo l'immagine dell'anima.. non frutto del caso ma "... del suo stesso essere"..
    che bella Anthony
  • karen tognini il 24/12/2010 08:45
    Molto molto bella Anthony...
    Fu la luce, il bagliore forte che le riempiva l'iridi a sussurrarmi quanto era.

  • Ugo Mastrogiovanni il 22/12/2010 10:02
    Mentre nella precedente breve descrizione Anthony Black ha affrontato il tema della morte, in queste sue nuove considerazioni tocca un punto essenziale dell'uomo, il sorriso, la luce, il bagliore forte, l'anima, carica d'ogni emozione. Valori altamente contrastanti col primo, ma sempre forme concrete di filosofia, opposti necessari, validi al completamento del suo pensiero. In sostanza, il concetto di Anthony Black, pur se sintetizzato in poche righe, continua a stupirci per la sua chiarezza e individualità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0