username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Venerdì 17

Sommersi da una coltre di neve
che il cielo da ore spolvera lieve,
grandi batuffoli di grossi pensieri
ci affollano e soffocano i nostri piedi.

Chiusi e serrati inscatolati
tante sardine in file bloccati.
Le ore passano silenziose e lente
nelle strade non assolvono niente.

Gli alberi pesanti si scrollano il manto
cadendo ci copron con disgusto e vanto;
Firenze bianca cambia personalità
dal freddo esce la tua crudeltà.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Andrea Circolo il 17/10/2014 21:13
    L'autore è riuscito a descrivere perfettamente il Venerdi 17, un giorno funesto per gli scaramantici!

6 commenti:

  • Alessandro Moschini il 24/12/2010 01:02
    Sinistramente bella Paola. Buon Natale.
  • denny red. il 23/12/2010 23:31
    Un tempo proprio da lupi Paola,
    Che freddo..!!! e poi.. e pure
    Venerdi 17!!
    Ben Scritta!!! Bei Versi!!
    Sempre Bravissima!!!!
    Ciaoooo...

  • Anonimo il 23/12/2010 13:37
    Grande paola... hai fatto un quadretto meraviglioso della tua Firenze... sai che ti dico: meglòio Firenze in disgrazia che Brescia in gloria. La amo la tua città e tutte le sue sbarbine... eppoi la vostra cadenza strappabaci... ciaociao
  • laura cuppone il 23/12/2010 12:37
    Una poesia dura
    viste le ultime da Firenze...

    ma consolati!
    la cattiveria é ovunque..
    le sardine restano in scatola anche quando sono fuori...
    la neve é l'unica innocenza...

    Lau
  • Salvatore Ferranti il 22/12/2010 23:09
    una poesia molto bella. complimenti
  • Simone Scienza il 22/12/2010 13:31
    Stretti nel freddo abbraccio
    impigliati nelle lenze
    urlan non ce la faccio
    adirati pesciolini di Firenze

    AUGURI PAOLETTA

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0