username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quello che abbiamo fatto

Abbiamo seppellito
i nostri bambini
sulle spoglie immortali
dei destini spenti

Le mani sono tinte
di terra di sangue di fango
le nostre coscienze
si sono liberate
dell'inesprimibile fardello
che le strangolava
con la ridicola pressione
dei pollici e dei sensi

La porta dell'orto
è chiusa
un luccicante lucchetto
è il nostro ultimo
colpo di genio
- dorata stonatura
nella verde composizione
dell'uomo e della rinascita -

I muri sono alti
ingioiellati da cocci di bottiglia
austeri
insormontabili
nessuno sentirà
nella poesia
dei sospirati tramonti
la silente stortura
dei corpicini infranti
che respirano lievi
nella terra dannata
sollevando a sprazzi
piccoli vortici
di polvere bagnata
di fatica
di lacrime liquide
di piombo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Dolce Sorriso il 28/12/2010 22:14
    straordinario Salva... una poesia da brividi
    bravissimo
  • Maurizio Cortese il 26/12/2010 13:22
    Chapeau! Immagini azzeccate e ritmo incalzante, per una poesia che fa ben sentire "la silente stortura".
  • Anonimo il 24/12/2010 10:56
    Introspettiva e riflessiva al tempo stesso, permeata di senso, ricca di immagini simboliche e cruente che richiamano ad un passato violento e d'immane crudeltà. Metafore ben forgiate nel corpo del testo, lessico notevole. Splendida opera! Auguri poeta carissimo!
  • Barbara Scarinci il 23/12/2010 23:29
    Di grande trasporto Salvatore, molto sentita
  • denny red. il 23/12/2010 23:10
    Molto bella!! Salva. Bravo.
  • karen tognini il 23/12/2010 13:25
    È incredibilmente vera e bellissima...
    mi stai stupendo sempre di più...

    bravissimo Salva...
    e auguroni di buone feste di cuore!
    k
  • Elisabetta Fabrini il 23/12/2010 12:58
    Quando scrivi così sei da brivido!
    Eccezionale davvero!
    ciao Ely
  • Vincenzo Capitanucci il 23/12/2010 11:33
    I muri sono alti
    ingioiellati da cocci di bottiglia... ho visto una foto a Valparaiso della casa di Neruda... i muri erano ingioiellati da questi cocci... non penso che sia stato il Poeta a farli mettere..

    ma questa è proprio l'immagine del nostro mondo... muri di difesa.. pronti a ferire... ma in che epoca siamo piombati.. cosa abbia fatto.. abbiamo chiuso la porta dell'Or. toh..

    Bellissima Salvatore... molto toccante... Ti faccio i miei migliori auguri... e che questo piombo diventi.. in alchimia d'Amore.. lacrime d'oro..
  • Anonimo il 23/12/2010 10:25
    Bellissima


  • Anonimo il 23/12/2010 09:41
    molto sentita Salvatore..
    bravo come sempre
    Auguri
  • Paola B. R. il 23/12/2010 09:25
    Di forte trasporto... con te nei tuoi pensieri...
    Molto bella!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0