accedi   |   crea nuovo account

Il mio presepe

Nella grotta
Gesù bambino,
Maria e Giuseppe,
scaldati dal bue e l'asinello,
per strada pastori e contadini
coi loro carichi di doni,
e poi orafi e mercanti,
portaacqua e portavino,
ed i Magi con oro,
mirra e incenso,
tutti fedelmente
a seguire la cometa.
Il presepe m'appariva completo,
quand'ecco un baleno,
perché non metter lontano
dal Bambinello pure gli increduli,
i curiosi e gli scettici che aggravati
dal peso del loro dubbio
si chiedevano, cosa fare.
Coperti dall'ombra d'una palma,
tre statuine ho accostato,
che di sguincio, osservano il Natale.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 09/09/2011 14:58
    originale... molto molto carina, coperti all'ombra di una palma... un bacio carla
  • ELISA DURANTE il 02/01/2011 19:41
    Un'ottima scelta, una poesia diretta, spontanea: insomma, mi è molto piaciuta per stile e contenuto!
  • Dolce Sorriso il 29/12/2010 21:19
    un'idea originale e bella... speriamo molti colgano...
    buon anno dolcissimo Fabio..
  • Anonimo il 23/12/2010 10:29
    Dolce quadro.
    Buon Natale...

  • carmela marrazzo il 23/12/2010 09:55
    curiosi, scettici e increduli... giusto che stiano anche loro nel presepio, può darsi che qualcuno di loro ne sarà illuminato e riceva il dono più bello: quello della fede.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0