PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E feste per tutti voi

perchè covare ancora vecchi rancori
quando possiamo accoglierne di nuovi e più freschi,
chi è senza peccato scagli la prima pietra,
ma se nessuno la scaglia
come potranno muoversi le pietre
e comprendere così che sono parte di una storia,
il mio regno per un cavallo,
e finì che gli fregarono il regno
e si ritrovò su di un cavallo a dondolo,
come può uno scoglio arginare il mare,
ma le onde che lì si infrangono
ben poco sanno del mare aperto che continua il suo girovagare,
parigi val bene una messa,
ah beh qua non mi viene niente
altro che mesa in spagnolo vuol dire tavolo,
cena e feste per tutti voi.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 01/01/2011 18:04
    piaciuta... apprezzato lo stile..
  • Anonimo il 31/12/2010 01:35
    Tutto torna. Composizione a sostegno di una causa che noi abbiamo non l'abbiamo ne' vinta ne' persa. Mi piace!

    P. S. Cena e festa in un a"mesa" piena di bonta' e buon senso anche a te, Giuliano. Buon anno!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0