PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natale... arrivi e te ne vai

Anche quest'anno è arrivato
in punta di piedi
con un sospiro ed un sorriso.
Il freddo ed un timido sole
hanno accolto nuovamente campane a festa,
il nostro bambin Gesù è nato,
ogni cuore è rinato,
tutti più buoni per un giorno.
Tutti in fila dentro le chiese,
segni della croce dimenticati.
Anche oggi tutti credenti e poi da domani
ognuno per conto suo.

Ma la magia della dolcezza
riscopre la parte buona di ognuno di noi,
la magia del Natale maschera le falsità,
le ipocrisie e le malvagità.
Sì, sol per oggi tutti amici e fratelli,
sol per oggi campane a festa ed abbracci.
Per un giorno è facile mentire,
noi adulti siam così.
Natale che crudeltà però!
Arrivi e te ne vai...
pensi di cambiare il mondo
ma alla fine vivi troppo poco.
Il Natale dovrebbe vivere ogni giorno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosanna gazzaniga il 18/12/2011 11:20
    Tutti più buoni per un giorno: quantà amara verità in questa toccante lirica. Il significato del Natale è ormai dimenticato, ma ancora presente nei ricordi leggeri di quando bambini ci si apriva alla vita. E in quella atmosfera che forse si avverte solo se si è genitori!
  • Cinzia Gargiulo il 18/12/2011 00:51
    Versi semplici e lineari che veicolano un messaggio che arriva al lettore in modo chiaro e diretto.
    Opera apprezzata per contenuto e forma.

15 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 18/12/2011 00:50
    Versi semplici e lineari che veicolano un messaggio che arriva al lettore in modo chiaro e diretto.
    Opera apprezzata per contenuto e forma.
  • loretta margherita citarei il 17/12/2011 21:18
    verissimo amico mio, ma quanta tristezza in giro! forse è che di problemi ve ne sono tanti che ognuno è troppo assorto in se stesso per non accorgersi degli altri, molto bella, bella come il tuo grande cuore, 1 abbraccio
  • bruna lanza il 17/12/2011 21:16
    Bell'auspicio il tuo, tutti i giorni Natale, tutti i giorni uomini GIUSTI... a volte mi chiedo con quale sfrontatezza ci presenteremo davanti a LUI... noi peccatori.
  • Anonimo il 17/12/2011 18:12
    Concordo con te Ilaria!
  • ilaria montali il 17/12/2011 18:06
    È sbagliato volersi cimentare in santi e religiosi solo per un giorno.
    Il Natale è anche per i deboli, per chi non crede o non ne è capace, è il momento per ritrovarsi ed accettarsi senza compromessi.
    Almeno un giorno per essere veri.
  • vale t il 17/12/2011 17:49
    molto molto realistica!!!!!!!
  • Anonimo il 17/12/2011 17:31
    Opera meravigliosa!
  • Anonimo il 20/01/2011 16:57
    strepitosa... mi ha incantato!

    Nonostante il consumismo esasperato, l'opportunismo, la falsità e la ipocrisia da parte di molti, il Natale è ancora un momento magico ed intenso che ci aiuta a riflettere sulle conclusioni troppo affrettate e sui certi insulti, litigi e sconfitte che potrebbero essere evitati. ~Jean-Paul Malfatti
  • Giacomo Scimonelli il 04/01/2011 15:55
    io infatti non mi sento un poeta... ma non mi sento nemmeno un minchione... ma rispetto il parere di tutti... anche il tuo parere... dici che è banale... può darsi che lo sia caro minchione... ma almeno son sincero quando scrivo ed apprezzo la sincerità di tutti nei commenti... compreso il commento di un caro lettore... di un lettore che si chiama Minchione... hai un bel nome... il tuo scrivere non è banale... anzi molto rispettoso... son fiero e contento di aver attirato l'attenzione di una ''Persona ''come te... grazie.. e spero che commenterai ancora le mie banalità... buon anno carissimo minchione... a presto... leggerò presto le tue opere... ciao ciao..
  • Anonimo il 04/01/2011 14:34
    Sembra la filastrocca di una pubblicità del panettone... a mio parere è mal scritta e banale. Non capisco quali canoni hai usato per versificare. Rosarita... noi poeti? ci vorrebbè un po' più di umiltà. Scrivere una poesia non fa un poeta... Moravia disse al funerale di Pasolini "che di poeti ne nascono solo 3 o 4 al secolo". La penso come lui...
  • Don Pompeo Mongiello il 01/01/2011 15:41
    La solita storia est, di un Natale che viene e va. Per fortuna nostra che ancora lo rivediamo. Bravo davvero!
  • Rosarita De Martino il 30/12/2010 20:56
    Ma perchè dici che il Natale va via e si ferma solo un giorno fra noi uomini? Tocca a noi poeti alimentarlo con sentimenti di speranza, di amore, di fraternità. Ti confesso che dentro di me vive ancora la gioia del Natale che il banale quotidiano ancora non mi ha rubato. Noi siciliani abbiamo il vulcano dentro e facciamo divampare il fuoco dell'amore. Un augurio fraterno per il nuovo anno. Rosarita
  • coccinella settantotto il 30/12/2010 06:53
    Natale... Arrivi e te ne vai...(x fortuna... i ricordi lacerano il cuore)
  • Giusy Lupi il 29/12/2010 12:25
    Verissimo, il Natale dovrebbe vivere ogni giorno...
    Piaciuta Giacomo, aggiungo 5 stelle.
    Con l'occasione ti auguro, un sereno e allegro inizio anno.
    Un abbraccio Giusy
  • Anonimo il 29/12/2010 10:42

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0