PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notte di Natale

Dolce melodia
di un organo di chiesa,
come di una rara realtà
che ci appartiene
solo poche volte.

Voci di fedeli,
davanti ad un altare povero,
stranamente umane.

Insolito misticismo,
liberato nell'aria
dall'incenso della messa
e ravvivato
da mille candele tremanti
e cento occhi assonnati
ma ostinatamente aperti,
di bimbi ritti in piedi
allucinati e affascinati
dal bagliore delle luci.

Io guardo l'anima delle cose:
non ascolto più
tutte quelle parole!

Leggo sui volti della gente,
sul suo volto,
assorto in mistica attesa.

Assaporo piano,
una grande delicata gioia,
per la prima volta mia,
nel vedere
quella piccola statuina di gesso
che mi sorride.

 

l'autore Nicola Lo Conte ha riportato queste note sull'opera

Poesia scritta nella mia adolescenza, semplice e spontanea, con l'incanto tipico dell'età.
Mi piace condividerla con i miei amici poeti...


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 25/12/2014 11:40
    Grazie, Marija...
    Un Dolce e Sereno Natale...
  • Anonimo il 25/12/2014 08:43
    È veramente una dolce melodia!
  • Nicola Lo Conte il 29/11/2011 18:05
    NE SONO FELICE, BRUNO, GRAZIE!
  • Bruno Briasco il 29/11/2011 17:54
    Molto bella, specie la chiusa! Comolimenti davvero!!!
  • Nicola Lo Conte il 29/11/2011 17:36
    Grazie, Anna per essere passata, ero, quando l'ho scritta, un adolescente, ed ho provato a cogliere l'atmosfera.
  • Anna Raccardi il 29/11/2011 17:32
    molto bella la piccola statuina che ti sorride complimenti ciao
  • Nicola Lo Conte il 20/07/2011 20:15
    Grazie, Alessandro, ho guardato con gli occhi adolescenti... e innocenti...
  • Alessandro Guerritore il 20/07/2011 19:16
    Decisamente un opera che entra dolcemente nel cuore e nel cuore, dolcemente ti sorride.
    Deliziosa, tenera e di grande comunicabilità.
    Piaciuta molto.
  • Nicola Lo Conte il 09/07/2011 20:37
    Grazie, Carla... sono solo entrato in quell'atmosfera che si percepisce con il cuore e con l'anima...
  • Anonimo il 08/07/2011 20:47
    grazie per averlo fatto hai descritto il natale nella sua vera essenza e non in quella di una festa rivolta al consumismo... l'organo l'odore di incenso, volti avvolti in mistica attesa... e tu che guardi quella piccola statuina di gesso con gioia per ciò che di grande rappresenta... complimenti nicola
  • Anonimo il 01/02/2011 22:24
    Caro Nicola il tuo cuore nn cambierà mai. Ripeto invidio la tua positività. Insegnami, come fai?
  • Nicola Lo Conte il 01/02/2011 17:46
    Grazie, Osvaldo, Per il tuo bellissimo commento...
    La poesia è nata dal un cuore adolescente...
  • Anonimo il 31/01/2011 22:53
    La serenità nella fede, un momento particolare colto con una elevazione d'animo e descritto in modo egualmente semplice e superbo.
  • Nicola Lo Conte il 10/01/2011 19:46
    Grazie per il complimento...
    Io mi considero un apprendista artigiano...
    Complimenti a te!
  • ELISA DURANTE il 10/01/2011 10:37
    Bellissima e delicata poesia che dimostra una volta di più che un poeta "piccolo" non è e non rimarrà un "piccolo poeta". Complimenti!
  • Elisabetta Fabrini il 31/12/2010 12:46
    In effetti i commenti sono 4!!
  • Nicola Lo Conte il 31/12/2010 12:46
    Grazie Ugo, ti leggo solo ora e ti ringrazio...
    Questa è una poesia della mia adolescenza...
    Apprezzo molto il tuo competente commento.
    Felice Nuovo Anno...
  • Nicola Lo Conte il 31/12/2010 11:58
    Tre commenti davvero molto graditi e per cui Vi ringrazio...
    La poesia è nata quando ero adolescente... forse per questo ha quella ingenuità e freschezza tipiche dell'età...
    Buon Anno!
  • Ugo Mastrogiovanni il 31/12/2010 11:46
    Poesia dall'intenso profumo d'umanità. Negli ultimi 6 versi sembra che l'autore voglia renderci consapevoli della nostra condizione di peccatori e, quindi, del nostro bisogno di un redentore. Nicola Lo Conte percepisce il canto di benedizione che proviene da quella statuina di gesso e sente il desiderio di adorarla per sentirsi più avvicino a Dio. Sembra proprio che questi suoi versi siano nati come una sincera offerta al mistero della Natività.
  • vincenzo rubino il 31/12/2010 00:54
    ho letto tanti scritti sul natale, molti di qualità, questo è il mio preferito! a presto.
  • Don Pompeo Mongiello il 29/12/2010 21:17
    Veramente molto apprezzata e piaciuta.
  • Elisabetta Fabrini il 29/12/2010 11:26
    "Io guardo l'anima delle cose!"
    È quello che dovremmo fare tutti... tu lo hai sempre fatto e ce lo dimostri ancora una volta con queste parole dolcissime nate da un cuore unico.
    Ciao Ely

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0