accedi   |   crea nuovo account

vertigine

Ho scelto.
Sì, ho scelto quella vertigine di luce
nel pulviscolo luminescente,
quale gemma del cielo di agosto.

Ho amato quel tracciato cadente:
ponte rampante
di insolubili sinusoidi neurali.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 03/10/2007 10:46
    Questa la porto con me. Anche io ho scelto questa vertigine di luce. Belllllisssima.
  • Donatella il 25/04/2007 12:34
    Mi associo a Gianfranco Gozzi, solo che l'ho gia dimenticato...
  • sara rota il 16/04/2007 20:30
    Una bella poesia, soprattutto la prima strofa. Complimenti
  • teresa hagendorfer il 16/04/2007 15:33
    scegliere è di per sè vertigine. scegliere è luce anche nel momento più buio. e la scelta fa nascere nel miracolo di una gemma. mi piace.
  • Antonio Guizzaro il 13/04/2007 19:13
    La ricerca linguistica ti meriterebbe voti meno avari.
    Continua.
  • Riccardo Brumana il 13/04/2007 18:41
    sarei andato a capo dopo "Ho amato" per presentar meglio la poesia. mi sembra una bella dedica ad una stella cadente.
  • gabriella zafferoni sala il 13/04/2007 09:44
    complessi i rapporti affettivi, ancor più quando la necessaria razionalizzazione esige un'attenzione contemplativa per non soffrire, per andare oltre, per espandersi.
    allora la natura, il cielo hanno maggiori risposte

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0