username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ophelia

Bagnate le mie spalle
dall'acqua carezzante
l'occhio del cielo veglia
bianco nella luna
bianca

E le mie membra
planano
in questo infinito
vuoto
e le mie dita
scorrono calde lacrime
e denso sangue

Divenuti fiume trasparente
penetrati nelle ombre delle foglie
nelle ossa degli alberi
bevuti
da bottinatrici innocenti

Abbiamo tanto desiderato
abbiamo
potuto
i miei capelli
urlato
vivi di tempesta

Ed ora fluttuano
e il vento è diventato un soffio
e morbidamente scendo
dolcemente
cado

Nel vuoto immenso
dell'immenso pieno
tra stelle fisse
e spine di rosa
l'Amore mi ha
voluta
e poi
abbandonata...

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • nicoletta spina il 07/01/2011 22:05
    Scrivere bellissimi versi ispirati da una grande opera letteraria
    è come ricamare su arazzo con filo dorato e prezioso.
    Splendido ordito di vera poesia.
  • Raju Kp il 07/01/2011 11:16
    Splendida Laura. ... abbandonanti alla sua lama del amore. Sei grande. Ciao.
  • laura cuppone il 05/01/2011 10:32
    Ophelia
    ha creduto
    con ingenuità
    ma poi
    é stata travolta
    con crudeltà
    dalla realtà...
    quando l'amore é il tuo assassino
    non puoi far altro
    che abbandonarti alla sua lama
    per restare te stesso... comunque.

    l'acqua l'ha amata
    e accolta nel suo ventre
    come una madre...

    adoro l'Amleto
    .. mia opera preferita... dove tutti i dolori e i tradimenti umani
    sono concentrati
    nelle gesta di grandi e infimi
    uomini...

    grazie a tutti
    Laura
  • Ada FIRINO il 02/01/2011 00:02
    "... e morbidamente scendo
    dolcemente
    cado"

    "Nel vuoto immenso
    dell'immenso pieno
    tra stelle fisse
    e spine di rosa
    l'Amore mi ha
    voluta
    e poi
    abbandonata..."

    Come l'Ophelia di Amleto, morbidamente scivoli nei flutti... dall'amore abbandonata.
    Illusioni... delusioni... e abbandono finale... resa totale.
    Ma forse è solo apparenza, rimane forte l'amore!
    Bellissima, Laura, immensa nell'immenso dell'anima. Brava!
  • augusto villa il 30/12/2010 15:14
    Bella e intensa... Le immagini che proponi sono belle e forti.
  • denny red. il 30/12/2010 02:20
    è Bella Laura C.,
    da.. fluttano in poi..
    il vento un soffio scendo,
    dolcemente cado.
    Hai scritto nell'immenso
    di un immenso..
    una Splendida!!! Poesia.
    Brava!!!

  • Giacomo Scimonelli il 29/12/2010 16:29
    è bellissima...
  • Anonimo il 29/12/2010 13:39
    molto bella " divenuti fiume trasparente
    penetrati nelle ombre delle foglie"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0