accedi   |   crea nuovo account

A Viareggio

Pel delirante ordine fitto
di sdraio d'ombrelloni e pali irti per ritto
sterili mezzi dell' uman profitto
l'anima mia si duole e il cuore è afflitto.
Di cicche disamor resti di vitto
si sporca il mio ricordo
si nutre il mio conflitto.
Da quella parte sto che non mi chiede affitto.
Nel vomito di plastiche e in ogni sorta di sleal relitto.
Puniscimi così!
Mare sconfitto.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Attanasio D'Agostino il 09/01/2011 09:04
    Sono con te a proteggere la natura...
    ma purtroppo...
    "dallo scarico catalizzato
    anch'io t'inquino"!
    un caro saluto Tanà.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0