accedi   |   crea nuovo account

Grida

Grida
dal piedistallo della tua anima
che sie eleva
sulla riva di questo lago
stretto tra le braccia
avvolgenti e muscolose di nebbia
a proteggere il sinistro
demone alato
mentre il cuore
dilania la paura
con denti di lupo.

Sono figlio e madre
in quest'alba di pugna
davanti a questa
minacciosa coltre
che guardo con occhi
plasmati nella fusione,
nella forma,
e nell'essenza dell'uno e dell'altra,
gene del gene
sangue del sangue.

Grida,
obbedisci al tuo petto
che senti gonfiare
di rabbia
di fuoco
ed impavida voce
che fuoriesce
ad infrangere
cristalli di vile ricatto
e a spazzare via
questa sporca foschia
complice il ribalzo dell'eco
che di ritorno squassa
con gli occhi iniettati
di sangue e di amore.

Ascolta il tuo cuore
nell'istante che segue
unico suono
nel silenzio irreale
assordante
dell'orfana supersite quiete
che ogni rumore ha inghiottito
e respira...
... sei vivo.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessandro Moschini il 30/12/2010 23:21
    Grazie a tutti. Buon Anno.
  • calogero pettineo il 29/12/2010 18:43
    un grido che si espande fin dentro l'anima
    mentre la rabbia cerca il silenzio.
    molto bella.
  • tania rybak il 29/12/2010 18:18
    un po' spetrale, ma originale... che dopo questi versi la tua anima la pace possa trovare...
  • Giacomo Scimonelli il 29/12/2010 17:17
    tra le tue più belle... complimenti