accedi   |   crea nuovo account

La Pace

Quando invocar si sente: "Pace, pace!",
vuol dir che in qualche lembo della terra
si combatte e già domina la guerra,
romba forte il cannone e l'amor tace.

L'uomo, talor, di Caino è seguace:
un orribile odio in sé rinserra,
è pronto alla vendetta, l'arma afferra
e Abele a terra nuovamente giace.

Quando, nei cuori, albergherà l'amore,
con chiare albe in tutti gli orizzonti
e con un mondo davvero migliore?

Questo accadrà allorché saremo pronti
a gustar dell'amore il gran calore:
e la Pace mai più vedrà tramonti!

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Manuel Cassina il 06/02/2011 17:40
    Wow!! Un puro sonetto sulla pace. Ben venga!!
  • Mario Olimpieri il 20/01/2011 09:25
    Gentile Rosarita, visitando le tue poesie, ho letto che hai insegnato per molti anni nella scuola elementare, e quindi ti comunico che siamo colleghi, in quanto anch'io ho esercitato per trentasei anni la stessa professione con impegno e grandi soddisfazioni. Un caro saluto. Mario
  • Rosarita De Martino il 19/01/2011 20:59
    Hai detto una grande verità, caro amico, perchè la pace può sgorgare solo da un cuore capace di perdonare, di accogliere anche il punto di vista altrui. Un abbraccio poetico. Rosarita
  • Pietro Saltarelli il 14/01/2011 13:49
    Che il Signore ascolti il tuo alto grido, amico mio e ci conceda la pace, altrimenti siam qui solo a sperare... Se non viene da Lui la vera Pace nel nostro cuore, temo che sia un arduo cammino con una meta sicuramente incerta...
    Ma finchè nei cuori si leverà una voce alta come la tua e tante altre se ne aggiungeranno il mondo avrà ancora speranza...
    una lode per Te!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0