PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Era nell'aria

Che sarebbero state almeno tre già lo sapevo,
ma se saranno più di tre, dipende solo da te,
quindi un po' di pazienza, è qualcun altro a decidere,
poi accantonala pure come l'ennesima bugia che riceverai,
dall'egoista cinismo dell'uomo che vive nell'ipocrisia,
ma questo è l'unico modo che conosco per essere io,
e so che oppormi peggiorerebbe solo le cose,
perchè quando capita, capita, s'impossessa di me travolgendomi,
mentre non posso fare altro che ascoltare, arrendendermi,
sono un animale che si nutre così...

pensi che sia facile, sopravvivere in un mondo dove chi non appare scompare?
No, non cerco scuse...
pensi che le catene che tengono fermi i miei polsi non facciano male, ti sei chiesta perchè?
No, non voglio compassione...
pensi che non sappia cosa significa esilio, rimorso, calpestare, distruggere?
No, non ci sono alibi...
Lo conosco bene il dolore ed è per questo che lo nascondo a chi incontro,
mostrando il mio volto coperto dal bianco cerone di pagliaccio, che fa solo sorridere..

ma guardami ora, ti prego,
un istante soltanto, raccontami quello che vedi,
mi sto mostrando a te senza difese,
guardami negli occhi se non mi credi,
guardami senza dire niente, capirò,
se dovrò andarmene via lo farò,
però non ora, guardami, domani...

è solo che adesso stavo facendo dell'altro,
stavo pensando all'infinito, al niente, poi senza motivo,
il mondo ha smesso di essere, esistere intorno a me,
come una canzone che d'improvviso, senza avvertire arriva nell'aria,
con la potenza di un uragano per strapparti l'anima dal petto,
facendo nascere dentro di te sorrisi e lacrime,
non ci si può opporre al naturale corso delle cose,
perchè quando capita, capita, s'impossessa di te travolgendoti,
e non puoi fare altro che assecondare, arrenderti,
siamo tutti animali che in un passato lontano si nutrivano così...

ma guardami ora, ti prego,
per un istante soltanto, raccontami quello che provi,
mi sto mostrando a te senza difese,
pensi che sia facile, sopravvivere in questo mondo dove chi non appare scompare?
guardami negli occhi se non mi credi,
pensi che le catene che fanno sanguinare i miei polsi non facciano male, ti sei chiesta perchè?
Guardami negli occhi senza dire niente, io capirò,
se dovrò andarmene via lo farò, ma domani,
adesso guardami: sorridimi o uccidimi!
Non ho altro da chiedere...
sono un animale che si nutre così...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Luigi Locatelli il 22/07/2011 16:13
    io ho chiesto ai curatori più volte di aprire una sessione per le canzoni ma non hanno risposto. La mia non è poesia? non ho mai detto che scrivo poesia... quindi invece che incaiazzarti con me, incaiazzati con loro evitando di rompere a me o coglioni: grazie...
  • dario caiazzo il 21/07/2011 19:53
    un consiglio.. non spacciarla come POESIA... spacciala come tema per classe da 2 elementare..
  • Giacomo Scimonelli il 03/01/2011 21:26
    bella!! piaciuta veramente... scritta bene ed onestamente... si percepisce il tuo pensare molto bene... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0