PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pura

La malattia rovina i corpi degli adulteri,
pesanti come il bacio di un perverso.
E forse, per te o per chiunque
io sono troppo pura.

L' ironia mi offende
come il mondo offende Dio.

Lanterna rossa, lingua di fuoco:
in oro, la pelle brucia come foglia.
Non sono in attesa di nuovi miracoli.

Vedo le strade sporche di una città menomata.
Vedo la linea della bocca, che è come quella di mio padre.

Non l' altro, né quello
non il mondo,
resta il Paradiso.

Passi felpati, torno alla vita senza fare rumore.
La mia voce non fa tremare le parole scritte sulla pagina.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Alessandro Panariti il 28/11/2011 08:58
    Fantastica. Scrivi in modo divino, forse perchè è da lì che trovi ispirazione.
  • Anonimo il 07/07/2011 13:15
    Anche questa è una poesia che forse Tagore invidierebbe. Scrivvi davvero in modo divino!
  • YURI STORAI il 22/03/2011 10:27
    bella coinvolgente, scritta con la giusta rabbia ed enfasi, una purezza
    ricercata ovunque e ovunque a suo giudizio.
    brava solo 5 stelle
  • laura cuppone il 17/01/2011 17:05
    le tue opere soddisfano il bisogno egoistico di chi legge, ne soddisfano la fame d'intonso e quella di spregiudicata ironia della sorte...

    sei legaccio insaponato
    mondo di un mondo
    fai sentire le tue spine già nel loro assetto nella pelle
    ...
    sei davveo brava...

    complimenti.
    laura
  • Alessia Amato il 08/01/2011 13:47
    ... ma, spesso, si è costretti a mettere un piede fuori... in quel caso cosa fare?
  • Anonimo il 08/01/2011 12:37
    Letta, ed interpretata. Mescolare la purezza con macchie di peccato che non ti appartengono, ma forse il solo fatto di conoscerle arreca danno. E riconoscere in te tracce di chi ti ha dato vita. Non so dov'è il paradiso, anzi a dire il vero non credo che esista. Ma se sei in quell'angolo, allora non mettere piede fuori. E non svegliare la vita con rumori più forti dei passi
  • denny red. il 04/01/2011 18:27
    io.. scrivo, tu.. scrivi, loro.. scrivono,
    lacrime dannate,
    su visi di seta.
    Bella.. Bella!!! Alessia.
    Brava!!!

  • Giacomo Scimonelli il 04/01/2011 00:21
    scritta da chi sa leggere nel proprio cuore... molto bella
  • antonio pascarella il 03/01/2011 22:38
  • Giusy Lupi il 03/01/2011 13:03
    BELLA POESIA, TRASMETTE AMORE E RABBIA.
    COMPLIMENTI MOLTO PIACIUTA.
    GIUSY
  • fabio demis piccione il 03/01/2011 11:01
    Bella poesia. Sembra un voler dire qualcosa, un'esplosione di rabbia... bella.
  • Danilo Carli Stranich il 03/01/2011 09:57
    molto bella, sensibile e femminile, un canto di accusa che sa di sporco, ma al contempo di desiderio di vita, nella consapevolezza che fermare le parole su carta è un appagamento solo momentaneo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0