username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A mio figlio

Le angosce son tante, il sonno è inquieto,
è appena trascorso il mio giorno più lieto.

Ormai l'abbiam fatto, ed è così bello,
ma sento un po' stanco il mio corpo, e il cervello.

Remote sconfitte e recenti timori
il dolce batuffolo li caccerà fuori?

E, giunto un po' vecchio all'ambito traguardo,
contemplo stupito il tuo dolce sguardo.

Non credo tu debba obbedirmi a ogni costo,
io ho tante domande cui non ho risposto.

Zittiscimi, è meglio, se sparo cazzate;
ci vivo da sempre, ne ho pure inventate.

Oppure capiscimi: c'è tutto il mio amore,
e c'è il tuo futuro, una vita migliore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Maria Lupo il 29/10/2007 02:45
    Pensavo di averlo commentato, forse perchè già lo conoscevo.
    Mi è piaciuto molto il commento di Paola Reda.
    Tanti auguri a Lorenzo per il suo futuro di adulto.
  • Paola Reda il 25/10/2007 23:18
    Caro Lorenzo, quale padre migliore? Un uomo vissuto, maturo ma allo stesso tempo umile al punto di essere un padre titubante. È bellissimo!
    Vi auguro tanta serenità (compresa la mamma!!!!). Acrostico molto toccante.
  • Complimenti...è bella, leggera e musicale e hai ragione quando si parla dei nostri figli mettiamo a nudo la parte più tenera e ingenua che è in noi!!! Spero tanto un giorno anch'io di poter dedicare una poesia a mio figlio... per ora non conosco questa meravigliosa sensazione!!!"Bambina mia"... parla di me stessa... e ti ringrazio per il commento che mi hai lasciato!!! A presto... Un Bacio.
  • A. Barbara Di Stefano il 29/06/2007 20:38
    Un acrostico in filastrocca di cui quel pargoletto andrà fierissimo.
  • augusto villa il 22/06/2007 23:04
    ... dal cuore di un papà che vuol bene a suo figlio... e che fortunatamente non ha dimenticato il suo passato...
    Molto bella, sentita.
    Bravo!!!
  • Antonio Guizzaro il 15/04/2007 19:48
    È un acrostico!!!
    È inserito per errore (non mio) tra le poesie in dedica.
    Rileggetelo, anche i cortesissimi commentatori.
  • sara rota il 15/04/2007 17:32
    Una dedica ad un figlio per certi versi amorevole, per altri più "compassionevole" . Ricorda che essere padre è una gran bella cosa e anche se si commettono sbagli l'amore per un figlio non ha limiti. Vedrai che anche tuo figlio da grande ti capirà e quelle che per te sembreran cazzate, per lui saranno solo parte del tuo amore. Bella
  • Riccardo Brumana il 15/04/2007 11:00
    non credo che quando proverà ad zittirti sarai così buona... poesia molto dolce
  • luigi deluca il 14/04/2007 19:46
    Nelle ore del travaglio, in attesa dell'evento, passano per la mente le più disparate idee, le angosce più crudeli, e i se e i casomai, tormentano l'attesa!
    Poi, quel buffo e tenero fagottello ti vien messo fra le braccia, con un pannetto sterile ad avvolgerlo... e non puoi fare a meno di lasciar andare le lacrime!
    E il mondo ricomincia a girare!
    gigi
  • Antonio Guizzaro il 14/04/2007 18:48
    Non amarezza, nè disillusione.
    È una filastrocca gioiosa ed ironica. La metrica è la stessa dei canti goliardici. Presente?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0