PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er divano

ce stà un divano giù dar rubbivecchi
che riposanno tra reliquie e specchi
quante cose potrebbe riccontà..
quarche geppetto der secolo scorso
lo fabbricò facennoje un discorso
che lui nun potè più dimenticà

je disse: - fijo mio tu nun lo sai
perchè t'ho fatto ora ma un dì vedrai
cose ch'è mejo certo nun riccontà..
vedrai donne sedèsse puritane
e arzasse pe annà via che sò puttane
o gente senza scrupoli e denaro
vènne un amico od artro de più caro
mentre seduti gustano un babbà..
insomma fijo mio nun te la prenne
se vedrai cose bone sole a offenne
ciò ch'è decoro oppuro dignità..
tu penza solo a te che sei un divano
fatto co arte e mestiere, fatto a mano
tu penza solo che sei un ber sofà..-

e lui fece tesoro der consijo:
tutta la vita fece com'er conijo
che se stà bono senza protestà
ed oggi ancora ch'è vecchio e fori uso
perquanto che ha sopportato ogni abuso
stà quieto e fermo senza mai parlà..

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 20/01/2011 09:06
    Eh già, quante cose potrebbe raccontare un vecchio divano, un divano d'antiquariato...
    Ci si potrebbe scrivere una Storia parallela alla Storia dei Grandi, quelli che immaginiamo sempre in piedi! Complimenti! Bella idea!
  • danilo il 05/01/2011 01:03
    Bellissima, oltre ad essere molto, ma molto riflessiva...
  • Giusy Lupi il 04/01/2011 13:27
    Stà quieto e fermo senza mai parlà...
    molto carina, divertente.
    Piaciuta. Giusy

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0