accedi   |   crea nuovo account

Fìiasse na figgètta levantinna

Miagètta de muìin e de cassìna màrsa
cheòtta da in Lùggiu arraggiò
me g'assètou pe aspetàate
coutelèe d'ùumbra che pàan cùgni acciantèe in tà rena
tàggian
prìie riùnde alugèntèe dà risacca
e scoèggi che aspèetan i scupassuìn dou màa
Òrièe èsse quel'asciugamàn cou teu òudùu
òrièe èsse ù sùu, che se ratèela cou ventu pè bagiàate
de dùnde... a teu pèle l'è giànca cùmm'au lèete
ti m'èmbrièghi
coùme in gòttu de giàncu de Sinque Tèere
appuntelòu cou due ancciùe en toccu de pàn, nèigru
cumme ì teu cavèlli approufumèe de fìggia
e ì teu òeggi, prufùndi
cumme è proufunditèe dùnde ghè ù courallu, rùssu
cumme a teu boùcca quande ti me bàagi
Stelìn.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • salvo ragonesi il 11/01/2011 21:40
    molto bella la tua poesia anche se ho fatto fatica a capirla per intera in vernacolo, letta e riletta per coglierne la sua bellezza. ciao Salvo
  • ignazio de michele il 04/01/2011 21:09
    Filarsi una ragazza levantina.
    Muretto di mattoni e calce marcia
    cotto da un Luglio canicolare
    mi ci siedo per aspettarti
    Coltellate d'ombra che sembrano cunei piantati nella sabbia
    tagliano
    pietre tondeggianti rese luminescenti dalla risacca
    e scogli, che aspettano gli schiaffoni delle ondate
    Vorrei essere quell'asciugamano col tuo odore
    vorrei essere il sole, che si bisticcia col vento per baciarti
    dove... la tua pelle è bianca come il latte
    Mi ubriachi
    come un bicchiere di vino bianco delle Cinque Terre
    servito con due acciughe e un pezzo di pane, nero
    come i tuoi capelli che odorano di donna
    e i tuoi occhi, profondi
    come le profondità che custodiscono il corallo, rosso
    come la tua bocca quando mi baci
    Stellina
  • loretta margherita citarei il 04/01/2011 20:37
    molto bella nel vernacolo sei super
  • Anonimo il 04/01/2011 20:05
    Anche se molti termini rimarranno per me un mistero, colgo un brio poetico che solo il dialetto può dare.
    Bravo Ignazio, buona poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0