accedi   |   crea nuovo account

Notte prima della partenza

Notte tarda
occhi adagiati e stanchi a letto
avidi di dilatare il tempo.
Io ti dico: "canzone. Quattro parole".
(senza svegliarci senza dormire
in l'un l'altro assorti, non curanti
ogni tenera moina
è tutt'un dì che scorre.
Per quanto proviamo a prendere tempo
per quanto il tuo nome e creato
echeggi potere di leggi e virtù
la tua partenza, annunciata
celere ineluttabile ci minaccia.
Devasta vederti
piangere.
Che cosa fare?
Lo scopo di una vita
ci si è rivolto contro ora!
Per quanto?
Pregherò pregherò
verso te
Nel desiderio continuo disperato d'essere stretto
tra te e
l'eterno).
Tu rispondi:
"-Sulle
-rive
-di
-Morfeo."

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Matteo Contrini il 04/03/2012 19:24
    Ti ringrazio Virginio per il commento e complimento!
  • Virginio Giovagnoli il 04/03/2012 18:43
    L'originalità mi piace sempre.
    Bella e ben formattata.
  • Matteo Contrini il 21/03/2011 15:37
    Caspita Giacomo, ti ringrazio molto per i complimenti. Anche a me fa piacere leggere le tue opere!
  • Giacomo Scimonelli il 21/03/2011 15:32
    mi piace il tuo originale modo di scrivere...è poesia anche questa... ed anche molto bella ed orecchiabile..
  • Matteo Contrini il 07/01/2011 22:14
    è un caso ^^: ho imposto il testo centrato e ho inserito tanti enjambements =)

    cmq grazie per il commento!
  • Anonimo il 07/01/2011 22:11
    Non ho capito perchè l'hai scritta a vortice.
  • Matteo Contrini il 07/01/2011 21:12
    Grazie Ugo Mastrogiovanni per il commento =).

    è vero la prima e l'ultima parte della poesia contrastano perché la vera poesia è quella tra le parentesi, ovvero le sensazioni provate nell'istante tra il mio quesito "canzone, quattro parole" e la risposta della persona da me amata "sulle rive di Morfeo".
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/01/2011 18:15
    L'ultima parte e quel benedetto morfeo contrasta con il resto della ammirevole poesia. Il gradimento e la quasi commozione che provocano i fatti narrati elogia il carattere e la psicologia dell'autore, che palesemente si affida al sollievo che offre la poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0