accedi   |   crea nuovo account

Il rumore dei tuoi passi

si cercano con gli occhi,
con le mani si toccano
e i loro corpi si sfiorano.
Senza rispetto per i sensi
si lasciano andare.
qualcosa di più da vivere,
adesso,
senza che i sogni
tormentino l'anima.
ho scritto cose che non posso ricordare
ho fatto cose che non posso più scordare
ho aperto porte che non posso più bloccare
ho letto libri che non hanno più parole.
e resto solo,
adesso,
ad ascoltare
il rumore dei tuoi passi
che non sanno dove andare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 23/01/2011 14:25
    poesia asemplice... ma molto chiare e scorrevole.. piaciuta