PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scendon lacrime pian piano

È un pomeriggio estivo e pure afoso
salire oggi vogliamo su in collina
nel lontano Križevac famoso.
Ripetiamo la solita dottrina,
che la croce in alto sistemata
vorremmo oggi sentirla più vicina
pensandola con noi pure abbracciata;
la vogliono oggi in tanti visitare:
non siamo soli ad averla pensata.
Giorno e notte é un infinito andare;
come le formiche or ci muoviamo
ed infinito é pure il lor pregare.
È stupendo ciò che oggi vediamo
in questo luogo povero e lontano,
ed il senso ancor ben non capiamo.
Mi é dura la salita e vedo strano:
come all'altri pare che non gl'importa;
pregando a bassa voce vanno piano:
salendo danni nessuno riporta
ma nel sentiero che si va salendo:
schiena e gambe mi gridano storta.
Per i dolori or ne sto risentendo
e ancor più spesso cerco di sedermi,
il pomeriggio l'ore va scandendo
per giunger così ad arnesi d'infermi
che da stimolo fanno a pellegrini;
ma i dolori non mi restano fermi.
C'é carrozzina a stimolar confini
abbandonata qui a metà salita;
forse cambiati gli sono i domini
ed é rimasta a dichiarar guarita;
straordinario regalo mostrare
per chi viene qui a giocar partita.
Chissà cosa c'é dietro il gran parlare
che nel mondo vanno dicendo d'anni
chissà se la Regina qui compare
se da quel vento sfumeranno inganni;
ma dal salire sto sempre più gemendo
per i dolori e gli aumentati affanni.
Quando all'irto punto stiam giungendo
un favore Andrea mi ha domandato
vuol salirmi in spalle procedendo;
l'irto tratto prima ho ben guardato
di no certo non posso dirgli adesso:
appare infatti stanco e ben sudato.
Ora sarà lui stanco, ma io son lesso
e mi vedranno vivo, ma son morto
quaranta chili pesa vi confesso
e dal salirmi in spalle ora son storto.
Altro non so cosa andrà capitando;

12

l'autore Antonio Balia ha riportato queste note sull'opera

- Medjugorje, 28 agosto 2005

- È un percorso che inizia dal testo - Di ciò forse poco capirai - e così a seguire... .


1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Bruno Briasco il 26/01/2011 12:43
    Dev'essere stata un esperienze unica... soprattutto interiore. Bravissimo. BB
  • Don Pompeo Mongiello il 14/01/2011 17:28
    Poesia anche se lunghetta, scritta bene e di diletto. Bravo!
  • Anonimo il 14/01/2011 15:02
    molto particolare... l'ho apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0