PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Persa nei suoi tristi pensieri

Persa nei suoi tristi pensieri
Osserva distratta le foglie attorno a lei
Vittime dell'efferato Autunno
Che crudelmente le strappò via dall'albero
Come la solitudine distoglie lei dalla Vita.
Resta appoggiata a quella fredda roccia
Fredda, come il suo cuore.
Ma non vede quel giovane che nascosto
La ammira giorno dopo giorno
I suoi verdi occhi tra le fronde degli alberi
Scorgono con gaudio la fanciulla
Nella sua sconvolgente bellezza,
Illumina ciò che le sta attorno
Tra le ombre degli alti arbusti.
Quello sguardo perso opera
Di quegli occhi che brillano come
Argento al sole.
I neri capelli che danzano col vento
Quasi al medesimo ritmo della sua candida veste.
E quel corsetto che la cinge in vita
Simile ad uno scrigno d'oro
Che racchiude sì grande splendore.
E al rimirarla, Egli si chiede:
"può esserci così tanto oblio in lei,
che brilla di così tanta bellezza?
Alberi,
guardatela,
È luce!"

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Me Stessa il 09/01/2011 14:51
    Ringrazio, soprattutto per le critiche che ritengo siano importantissime per capire e soprattutto per ricordarmi che devo migliorare e perfezionare il mio modo di scrivere.
    Provvederò alla punteggiatura e le maiuscole che sono decisamente da correggere.
  • Ezio Grieco il 08/01/2011 19:45
    Contenuto interessante, per una... prima da incoraggiare.
    ... da rivedere la punteggiatura e le maiuscole... cosparse a caso.
    Nel complesso buon lavoro.
    cl
  • Me Stessa il 08/01/2011 15:00
    Uh, grazie mille davvero!
  • Elisabetta Fabrini il 08/01/2011 14:56
    Bellissima... coinvolgente, brava!