PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Peccatore

Quel soffio
che il Creatore Nostro
diede,
per vivi renderci,
dopo di terra
impastati,
a poco a poco
in un nulla svanisce,
poiché l'Uomo
già disubbidiente,
a sfidare
l'Onnipotente
continua screanzato,
e non solo
del corpo,
un inutile fardello
facendo,
la stessa
psiche,
non avendo più le ali,
si dimena
e si dimena,
per gli alti cieli
raggiunger,
ma destinato
è
su codesta terra
rimaner,
per ogni reo
espiar,
finché
non vano,
due belle nuove ali
spuntar abbia
e l'ultimo
arduo volo
tentar
con devozione.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0