PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ruggito di legno

Nell'ansa del rio Rosata
ad est del sole a nord del mare
nel concavo incontro di spine vallive
tra sorgenti a piè di sassi e salici
cent'anni or sono si pose in vita
un gruppo d'arboreo sostegno.
Uno crebbe in impeto
inclito in forza
tanto che l'edera divenne centenaria.
Le storie di vita intorno
seppero di zappa, di cure e d'abbandono.
Il ritorno dell'uomo lo ritrovò
impero inclinato
sostegno d'alberi e rami
grandezza a volute di volume.
Ai piedi il piccolo ponte
tratteneva le rive quasi a richiamare
instabili sponde.
Si taglia ahimè!
S'apprestano le funi
s'imbriglia il pericolo
si prefigura la caduta
di una dinamica morte.
Si pensa alla scena
di tiri alla fune
d'esecuzione alla vita...
che muoia, ma piano
in lenta caduta.
Lo guida quel boia che sa quel che fa
Ch'appresta l'intorno
che tira di qua
cha svincola il ramo
che pesa con l'occhio
che sa dove finirà.
La prigione di funi
è in tesa e finita
morde il taglio abbaio dell'uomo
s'affondano i denti d'acciaio.
Non suoni, non grida, non parole.
La linfa bagna con sudore di morte
la segatura del legno
Segno d'esecuzione.
Improvviso lo stocco di fibra
avverte la morte imminente.
Il silenzio s'empie di laceranti rumori
Tonfa il peso con stupore sordo.
L'ultimo grido di cent'anni.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Dolce Sorriso il 11/01/2011 23:08
    stupenda... molto apprezzata, sei bravo!
  • Anonimo il 11/01/2011 21:58
    Molto bella...
    Complimenti

  • Anonimo il 11/01/2011 21:52
    È una poesia fortemente visiva e suggestiva. Mi è piaciuto in particolar modo l'uso di un linguaggio forbito. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0